Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Sabato 3 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 10:31 - Lettori online 1213
VITTORIA - 30/04/2016
Politica - Fuori programma per l’assessore regionale all’agricoltura

Cracolici contestato da agricoltori: la Pisani risponde

Fornite ancora una volta rassicurazioni ai manifestanti Foto Corrierediragusa.it

Fuori programma per Antonello Cracolici (foto). L’assessore regionale all’agricoltura è stato atteso all’ingresso del cineteatro di via Adua, dove era in programma la presentazione della candidata Pd Lisa Pisani da un nutrito gruppo di produttori e agricoltori che in queste ultime settimane sono in prima linea nella lotta a difesa dei prodotti ortofrutticoli e contestano i termini dell’accordo euromediterraneo. L’assessore è rimasto i un primo momento perplesso anche perché non si attendeva una contestazione così eclatante con tanto di cartelloni e slogan. Poi ha deciso di scambiare qualche battuta con i manifestanti che gli hanno chiesto di farsi promotore di un incontro con il premier Matteo Renzi. Cracolici ha rivendicato la forte azione a livello europeo esercitata dal governo regionale ma i produttori non sono apparsi per niente soddisfatti ed attendono fatti concreti perché il numero delle aziende che chiudono l’attività ogni settimana, non sia destinato ad aumentare. «Io – ha detto la candidata sindaco Lisa Pisani – sono vicina a tutti i lavoratori della terra. E proprio questo è stato il tema centrale del mio intervento. L’agricoltura è il settore primario della nostra città. È vero, il comparto agricolo è in ritardo. Ma non è morto come sostiene qualcuno. E le mie nuove prospettive per Vittoria e Scoglitti iniziano proprio da qui. Dal rilancio dell’agricoltura. Il mio progetto è concreto. Dobbiamo realizzare una mappatura catastale delle nostre colture. Penso ad un nuovo progetto di centro di sperimentazione di colture di avanguardia. L’agricoltore deve sapere, in maniera scientifica, cosa produrre. Non può più affidarsi al proprio intuito o alla buona sorte. Al Mercato ortofrutticolo di Vittoria occorre dare un’impostazione autenticamente manageriale. Inoltre, bisogna investire in pubblicità, nel marketing e nell’accoglienza di buyer internazionali. Il pomodoro e la melanzana di Vittoria devono ottenere un marchio Igp».

LISA PISANI: "IO PARTECIPO ALLE PROTESTE, NON LE SUBISCO"
Lisa Pisani, candidato sindaco della sinistra di Vittoria, interviene in merito alla protesta di un gruppo di agricoltori che è andata in scena venerdì 29 aprile 2016, in occasione dell’inaugurazione della campagna elettorale alla Multisala Golden. «Mi rivolgo – afferma Pisani – agli attori della protesta: Mda, Movimento Riscatto e a tutti coloro i quali hanno manifestato a titolo personale venerdì scorso. Da donna pragmatica, non ho considerato il vostro sit-in un atto di poca delicatezza nei miei confronti, sebbene avrei gradito, nella qualità di assessore all’Agricoltura della Città, essere informata della manifestazione. Personalmente, considero le azioni di protesta una modalità efficace per sottolineare gravi crisi, ma ritengo che, in questo caso, la disorganicità dell’evento non abbia portato ad alcun risultato. E di questo sono sinceramente dispiaciuta. Inoltre, ricordo che Vittoria è capofila di una più importante e vasta protesta agraria, che coinvolge lo stesso Movimento Riscatto. Voglio ricordare ciò anche in virtù del fatto che, nel febbraio scorso, ho preteso che l’assessore regionale all’Agricoltura Cracolici intervenisse al Mercato ortofrutticolo di Vittoria di fronte a cinquemila persone. Tale attività ha determinato una delibera di giunta regionale, nella quale è stato proclamato lo stato di crisi dell’agricoltura siciliana. Per quanto mi riguarda, a questo proposito, credo di svolgere un ruolo attivo. Per cui, non voglio subire una protesta. Ritengo giusto parteciparvi personalmente. E, ripeto, nonostante non fossi stata informata, ho chiesto di invitare una rappresentanza dei manifestanti all’interno del cinema, per accettare di trasformare la protesta sterile in un dialogo concreto. L’invito non è stato accolto. Eppure, proprio l’agricoltura è stato il tema centrale del mio intervento tenuto all’interno della Sala 1 del Golden. Perché l’agricoltura è il settore primario della nostra città. E le mie nuove prospettive per Vittoria e Scoglitti iniziano proprio da qui. Dall’agricoltura e dal suo improcrastinabile rilancio».