Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Venerdì 9 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 11:06 - Lettori online 1531
VITTORIA - 10/03/2016
Politica - Scissione per la scelta dei candidati a sindaco

Amministrative Vittoria, caos Pd

Il partito rischia grosso con questa mossa Foto Corrierediragusa.it

In ordine sparso. Il Pd si divide e il candidato sindaco Francesco Aiello (foto) incassa il sostegno del secondo circolo cittadino, mentre la candidata ufficiale dello stesso Pd resta Lisa Pisani. Una mossa di cui si parlava da tempo ma che si è concretizzata con un documento ufficiale. Il gruppo cui fa capo Giovanni Caruano, Salvatore Cilia, Giuseppe Incorvaia, Giacomo Romano e Giovanni Formica hanno saltato il fosso, e per questo motivo sono stati però espulsi dal partito, su decisione della segreteria provinciale. Insieme a loro anche Salvatore Avola, che in un primo momento sembrava volersi tirare fuori da questa contrapposizione e dalla stessa battaglia elettorale ma che i suoi amici di circolo danno come parte integrante del gruppo e quindi schierato con loro. Sono i principali componenti di «Sicilia Futura che si presentano così: «Constatata l’impossibilità di condividere un progetto comune con il Pd di via Castelfidardo per i noti motivi politici e di metodo il circolo confluirà in «Sicilia Futura», soggetto politico che guarda al Pd. Siamo convinti che sia la scelta giusta per Vittoria lavorando in piena autonomia e su temi importanti come la cura del territorio e lo sviluppo ecosostenibile. Sosterremo Francesco Aiello ritenuta la personalità giusta per esperienza, competenze ed impegno ad assumere il difficile ruolo di primo cittadino».

Il dichiarato sostegno ad Aiello del gruppo Caruano, per questa ragione espulso in toto dal Pd (di fatto il secondo circolo non esiste più), indebolisce certamente la candidatura di Lisa Pisani, candidata ufficiale del partito, voluta ed incoraggiata dallo stesso sindaco Peppe Nicosia. Il partito rischia grosso con questa mossa soprattutto in termini di credibilità anche perché è evidente che il nome di Aiello spacca la sinistra e non promette nulla di buono. Guerra fratricida dunque a tutto vantaggio delle altre formazioni politiche non hanno che da guadagnare da una sinistra frantumata. C’è chi gongola già nel centro destra perché vede aprirsi spazi prima non ipotizzabili.