Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Domenica 11 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 23:05 - Lettori online 606
VITTORIA - 26/02/2016
Politica - Frattura tra i grillini, resta Ciro Torre

Fuga di massa dal M5S a Vittoria

Una prima frattura si era consumata lo scorso novembre perché il senatore grillino Mario Giarrusso aveva annunciato l’espulsione di dieci componenti Foto Corrierediragusa.it

In tanti se ne vanno e nel M5S è praticamente frattura. Irene Nicosia (foto), Giovanna Monteneri, Giombattista Gulino, Nicola Marchese, Eleonora Moncada e Giorgio Distefano hanno ufficialmente annunciato la loro fuoriuscita dal movimento dopo essere stati il gruppo storico in città. Una frattura che prende le mosse dalle incomprensioni sulla candidatura di Irene Nicosia che a gennaio era stata candidata a sindaco ma sulla quale nessuna ufficialità da parte di Beppe Grillo è mai arrivata. Dice Irene Nicosia: «Non abbiamo più fiducia nel Movimento, abbiamo scritto, contattato ma nessuno ci ha risposto. Lasciamo, il movimento è un grande bluff». Una prima frattura si era consumata lo scorso novembre perché il senatore grillino Mario Giarrusso aveva annunciato l’espulsione di dieci componenti del movimento tra cui proprio Irene Nicosia per alcune posizioni non ritenute coerenti con i principi del M5S arrivando addirittura di contiguità con la mafia. Poi la costituzione di un secondo gruppo in città e una spaccatura di fatto. Tutto da vedere come si comporteranno i sette fuoriusciti alle elezioni. Irene Nicosia precisa: «Ci hanno contattato in molti, non faremo mai alleanze con partiti e con personaggi che appartengono al passato». Da parte sua il grillino Ciro Torre precisa di non avere lasciato il movimento e dice: "Resto iscritto al meetup ed al blog nazionale ma tuttavia non parteciperò alla campagna elettorale per le amministrative".