Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Sabato 3 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 22:30 - Lettori online 1053
VITTORIA - 18/12/2015
Politica - Numerose le emergenze in città

Le proposte di Patto per Vittoria per risolvere i problemi

Sul tappeto una serie di soluzioni propositive Foto Corrierediragusa.it

Una città più a misura d´uomo, più moderna in cui bisogna valorizzare il capitale umano. E´ questa la ricetta di Patto per Vittoria che ha analizzato i tanti difetti dell´attuale stato della vita cittadini e si proietta nel contempo nel prossimo futuro. Le critiche sono innanzitutto rivolte all´alta tassazione, a cominciare da quelle delle seconde case dove vengono imposte tariffe a forfait, al degrado delle periferie con strade abbandonate e non illuminate. Sotto accusa, inoltre, il sistema idrico: per Patto per Vittoria "E´ assolutamente insufficiente perchè nemmeno l´emergenza idrica viene fronteggiata con interventi mirati tramite autobotti perché un comune di 60 mila abitanti non ha nemmeno una autobotte propria da utilizzare". La ricetta è dunque quella di razionalizzare e eliminare le sperequazioni rendendo al contempo la città più al passo con i tempi. Si legge nel documento di Patto per Vittoria: "Occorre un modello dinamico e snello per gestire una popolazione scolastica di oltre 9 mila bambini e 47 istituti scolastici, dare servizi a circa 7 mila 500 anziani e circa 10 mila giovani. Occorre iniziare a pensare ad una città moderna dall´utilizzo di sistemi energetici come i led per i circa 8 mila 500 punti luce al rifacimento totale di 450 km. di rete idrica.

Le istituzioni - conclude Patto per Vittoria - devono iniziare a comprendere che il grande pascolo speculativo del mantenimento del precario non è più sostenibile a fronte del rifacimento di reti di servizi moderni e dovute ad una collettività che crede ai diritti di cittadinanza".