Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Sabato 3 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 22:30 - Lettori online 581
VITTORIA - 07/08/2008
Politica - Vittoria - Il partito difende la segreteria provinciale

Italia dei valori, non dei favori. Difese le scelte dei dirigenti

Solidarietà a Malignaggi, Buonuomo, Savà e Iacono Foto Corrierediragusa.it

Italia dei Valori fa scudo attorno alla segreteria provinciale, esprime solidarietà a Giuseppe Malignaggi, Donatello Buonuomo, Pietro Savà e Giovanni Iacono (nella foto) e s’auspica a non dovere «ribattere ad accuse strumentali e ricattatorie a chi non miIita pù nel partito».

A scrivere la nota di solidarietà, Cristina Pelligra, Bernaddetta Alfieri, Gaetano Crescenti, Salvatore Martorana, Venerando Cintolo, Fabio Antoci, Giuseppe Rosetta, M.Giovanna Bentivoglio, Vito La Terra, Ignazio Aprile, Enrico Statelo, Carlo Prota, Emanuele Distefano, Carmela Nicita, Luigi Martorana , Elena Azione, Daniele Alecci, Renato Massari, Giorgio Nobile, Ignazio Cascone, tutti dirigenti dei vari comuni della provincia.

«Mai il partito provinciale ? scrivono- è stato così unito, così partecipato e così organizzato. Diamo il nostro pieno sostegno e solidarietà al nostro coordinatore provinciale dr Giovanni Iacono per l’azione di rinnovamento avviata in questi primi mesi e al commissario di Vittoria avv. Pietro Savà per l’opera che sta svolgendo a Vittoria»;

Tutte le determinazioni assunte dal partito, dice Idv, erano state deliberate dal direttivo provinciale del 29 aprile 2008; «Italia dei Valori è l’esatto contrario del partito delle prebende, delle consulenze, degli interessi particolari delle ambizioni personali e familiari, quel tipo di partito che meglio si chiamerebbe Italia dei «Favori».

Con questo documento, i dirigenti di Idv chiudono il «caso» Vittoria mentre Giuseppe Malignaggi incassa un altro attestato di solidarietà da parte della presidente della Consulta giovanile Chiara Margani, la quale ha scritto al sindaco Nicosia per rammaricarsi della sostituzione dell’assessore Malignaggi
E’ attesa, intanto, la riunione dell’esecutivo Pd per discutere delle deleghe assessoriali e delle regole del partito per il futuro. Il sindaco Nicosia è fuori sede, ma il segretario Giovanni Formica è rientrato. «Il caso Dezio è politico e non personale- dice Formica- la priorità è il buon governo della città non un singolo nome».