Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Lunedì 5 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 15:35 - Lettori online 725
VITTORIA - 18/05/2015
Politica - Giuseppe Nicosia prende in contropiede tutti e riempie due caselle vuote

Sindaco decisionista: Cugnata assessore, Tolomeo all’Emaia

Aveva convocato una conferenza stampa per parlare dei soliti percorsi di legalità, invece a sorpresa nomina il sostituto di Arturo Di Modica e il nuovo Cda dell’Emaia. Moscato e Andrea Nicoisa (FdI): "Bieca manovra elettoralistica"
Foto CorrierediRagusa.it

Il decisionista che non t’aspetti. Giuseppe Nicosia convoca la stampa per parlare di percorsi di legalità e invece ti sbatte in faccia un nuovo assessore e un consiglio di amministrazione Emaia, che sarà l’ulitmo prima della fine di questa sindacatura. E la conferenza stampa all’improvviso fa notizia. Elio Cugnata diventa assessore a Tributi e Anagrafe, non è il suo campo preferito, ma si deve accontentare; mentre Salvatore Tolomeo (foto), uomo di spettacolo e impresario di numerosi artisti che hanno fatto quasi tutti tappa a Vittoria nei tanti spettacoli da lui organizzati, è il nuovo presidente dell’Emaia. Nominato anche il Cda dell’azienda, Franco Modica e Germana Bellorofronte. Il nuovo organismo dovrà chiedere alla Guardia di finanza a che punto è l’indagine sulle precedenti gestioni e organizzare di gran carriera il prossimo evento fieristico di luglio. Anche il Consorzio Valle dell’Ippari ha un nuovo presidente, Michele Marcosano.

Finisce, dunque, la fase del commissariamento di Giuseppe Sulsenti, il dirigente «salvagente» che ritorna a svolgere il suo compito all´ufficio Ragioneria al Comune. All’Emaia resta, nella qualità di direttore, il commercialista Giovanni Di Blasi. Una garanzia per ciò che riguarda la contabilità. Nomine attese ma delle quali nessuno parlava. Cugnata, consigliere comunale è uomo Pd che già aveva sbattuto i pugni sul tavolo quando non venne nominato assessore alla fine dell’anno. Le dimissioni dell’artista Arturo Di Modica lo hanno rilanciato.

Salvatore Tolomeo, invece, anche se nell’ombra, ha da sempre gravitato nell’area della sinistra: Pci prima, Ds dopo, Pd adesso. Tempo addietro annunciò la sua candidatura a sindaco, ma nessuno si agitò più di tanto, considerando la sua uscita più un «colpo di teatro» che un volontà convinta. Dopo questo anno di Emaia la sua campagna elettorale sarà a sostegno dell’amministrazione uscente, ma con quale ruolo è presto per indovinarlo.

Nessuna reazione, finora, dalle viscere del Pd, che pure emise fiele all’indomani dell’ultimo rimpasto. Ma il primo a intervenire in maniera negativa, è Fratelli d’Italia, partito d’opposizione, che con Giovanni Moscato e Andrea Nicosia parla di «teatro dell’assurdo a palazzo Iacono. Una bieca manovra elettorale. Il commissariamento dell´Emaia con la nomina del dottor Giuseppe Sulsenti, un dirigente comunale con comprovata esperienza e dello stimato professionista Giovanni Di Blasi, doveva servire per porre rimedio alle ingenti perdite accumulate e per risanare l’azienda fieristica che aveva su di sé il peso di conti bancari bloccati e stipendi arretrati da versare ai dipendenti. E adesso dopo nemmeno cinque mesi secondo il sindaco Giuseppe Nicosia una situazione così disastrosa è stata sanata. Così il primo cittadino decide di utilizzare l’Emaia come un «parcheggio» garantito dei suoi sodali in vista della prossima campagna elettorale. Saremmo curiosi di conoscere – concludono i consiglieri Giovanni Moscato e Andrea Nicosia – le competenze in materia di bilancio e di gestione aziendale del dottor Tolomeo. In più vorremmo sapere come intenderà ripianare le ingenti perdite di centinaia di migliaia di euro».