Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Sabato 10 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 16:21 - Lettori online 981
VITTORIA - 12/07/2008
Politica - Vittoria ? Riccardo Minardo ha incontro il sindaco Nicosia

Cavallo e Mustile: «Gli assessori Avola e Meli sono incompatibili»

La base dell’Mpa non gradisce l’avvocato Di Martino assessore. Lunedì pomeriggio Minardo incontrerà Lombardo a Palermo Foto Corrierediragusa.it

Riccardo Minardo ha incontrato il sindaco Giuseppe Nicosia e lunedì pomeriggio andrà a riferire al presidente Raffaele Lombardo. Filippo Cavallo e Giuseppe Mustile (da sx nella foto) esprimono i loro ultimi desideri prima di intraprendere un viaggio che ha già «consumato rotture di amicizie fraterne nel mondo della sinistra» e l’avvocato Enrico Di Martino subisce il primo «disco rosso» ad un eventuale suo ingresso in giunta come assessore dell’Mpa.

Mal che vada, il penalista è in pole position per il difensore civico: gli servono 21 voti consiliari. Così si chiude e così si apre la settimana passata e quella che comincia domani. E i tempi della verifica si allungano. Di altri 3 mesi? «Neanche per sogno- ammonisce il sindaco Nicosia- In settimana si deve chiudere. Aspetto che i partiti mi diano i nomi. Solo lo Sdi ha comunicato la terna, neanche il Pd ha risolto i suoi problemi».

La nuova coppia della sinistra è formata da Filippo Cavallo e Giuseppe Mustile, che ha preso il posto di Peppe Cannella. L’aver firmato quel programma di governo ha avuto un prezzo alto a livello di amicizie personali. Ieri mattina i due hanno indetto una mini conferenza stampa nella casa di mare di Mustile per mandare messaggi chiari e programmatici.

Un coro a due voci. Mustile parla e Cavallo, ogni tanto, intercala qualche aggettivo. «Con l’approvazione del bilancio (Cavallo e Cannella sono usciti fuori dall’aula durante la votazione, ndc) s’è chiusa la prima fase, ma dalla seconda ci aspettiamo un grande impegno per la città. A questo è subordinato il nostro apporto. Non siamo ancora maggioranza perché niente è definito».

Tralasciamo gli inutili preamboli, Cavallo e Mustile sposano il programma del sindaco ma pretendono che . Due assessori su tutti devono essere messi da parte: Salvatore Avola e Rosanna Meli. «Perché sono incompatibili con i loro lavori esterni- afferma Mustile- e neanche il sindaco deve assegnare deleghe a consiglieri comunali, perché il consigliere controlla gli atti non amministra».

Nessun mistero anche per quanto riguarda un eventuale impegno in giunta a quello che chiameremo il gruppo di sinistra indipendente. Dei 10 assessorati, 4 andranno al Pd, 2 all’Mpa, 1 a Idv, 1 allo Sdi, 1 al Pro Scoglitti e 1 al nuovo gruppo. «Non sarò io l’assessore- chiarisce Mustile- continuerò a fare il consigliere provinciale. Abbiamo contattato una figura di alto spessore morale, intellettuale, tecnico e politico, dovrà sciogliere la riserva per problemi di salute». E se sarà no? Filippo Cavallo in prima persona, sarà lui l’assessore della giunta Nicosia, con un ritardo di 365 giorni. «Sarà proprio Cavallo il nostro assessore- chiosa Mustile- facendo cadere tutte le pregiudiziali sulla compagna Mariella Garofalo, che stimiamo e apprezziamo per lealtà e responsabilità».

Il sindaco risponde. «Condivido in qualche modo il ragionamento di Cavallo e Mustile, dei quali apprezzo il coraggio e il movimento che stanno creando. Però dico loro che la ricerca di trasparenza non può basarsi sulla politica dei veti. Il veto non ha mai pagato. Perché chi di veto ferisce di veto perisce. Dovrei dire che sé è incompatibile il geometra Avola assessore sarebbe incompatibile anche il geometra Cavallo? No, chi vuole veramente il bene della città, come sono sicuro lo vogliono Cavallo e Mustile, non può dettare condizioni con i veti. E neanche sento di esprimere giudizi negativi sul Rosanna Meli sol perché gestisce associazioni di volontariato. Il suo lavoro ha permesso di evitare sprechi proprio nel mondo dell’associazionismo».

Riccardo Minardo, dicevamo, domani pomeriggio sarà a Palermo. Con il sindaco ha parlato del mercato e della ricostruzione dei box. Anzi, farà incontrare a Palermo Nicosia e Lombardo. Possibile che non abbiano affrontato il tema dei due assessori? «Di sfuggita ?afferma Minardo, che ha dovuto prendere dei mugugni della base del partito, Salvatore Artini su tutti- i nomi degli assessori non sono solo quelli di Piccione e Di Martino; della rosa fanno parte Giuseppe Tumino, Roberto Sisino, Luigi Melilli e Giacomo Salerno, ex Forza Italia e oggi con me nell’Mpa». Due di questi saranno gli assessori.