Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Sabato 3 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 22:30 - Lettori online 413
VITTORIA - 10/07/2008
Politica - Vittoria - Il Consiglio approva il bilancio di previsione

Approvato a maggioranza lo strumento finanziario del 2008

Mpa: Minardo avrebbe proposto Giuseppe Piccione
e Enrico Di Martino nuovi assessori. Nel partito c’è aria di fronda
Foto Corrierediragusa.it

Approvato il bilancio di previsione, 17 sì e 4 no. La maggioranza consiliare è stabile. Bocciato, invece, l’emendamento presentato dalla minoranza sulla ricostruzione dei box al mercato ortofrutticolo.

Ha fatto le ore piccole, il Consiglio comunale di Vittoria, perché prima s’è dato corso a un dibattito lungo e dall’esito scontato. Alla fine l’atto è passato a maggioranza con pochi consiglieri di minoranza presenti in aula e con qualche assenza nella maggioranza che si fa notare, Rosario Dezio del Pd. Subito dopo i lavori, la giunta s’è riunita per approvare la stagione estiva 2008

Continua, intanto, il dibattito sul rimpasto della giunta. Attenzioni puntate tutte sull’Mpa. Riccardo Minardo, delegato responsabile a trattare, avrebbe già i nomi da dare al sindaco Nicosia: Giuseppe Piccione, ex comandante della Polizia municipale, leader di Vento di Sicilia, e l’avvocato Enrico Di Martino, da diversi anni lontano dalla scena politica ma vicino all’Mpa. Sui due nomi il sindaco non si pronuncia. «Nessuno me li ha dati ufficialmente e nessuna risposta posso dare».

Ma il malcontento nel gruppo consiliare autonomista cova. Fino a qualche giorno fa circolavano i nomi di Giuseppe Tumino, di Giulia Artini, di Roberto Sisino e di Gaetano Iacono. Vedersi calare dall’alto due «assi» del questo calibro, che non hanno partecipato alla politica attiva, fa serrare i denti ai 4 consiglieri comunali, compreso il presidente del Consiglio Luigi D’Amato.

Fra gli altri nomi dell’ultim’ora che circolano in casa Pd, quello di Angelo Dezio. Una patata bollente nelle mani del segretario Giovanni Formica. Perché era assente Rosario Dezio durante i lavori consiliari?