Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Giovedì 8 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 15:45 - Lettori online 665
VITTORIA - 13/12/2014
Politica - L’interessato ha scritto una lettera al sindaco Nicosia

Gurrieri si è dimesso da assessore

Intanto la compagine Nicosia, oltre alle critiche di Fratelli d’Italia e da altri partiti d’opposizione, riceve qualche plauso
Foto CorrierediRagusa.it

Dopo Filippo Cavallo e Angelo Dezio, anche Piero Gurrieri (da dx nella foto con il presidente del consiglio Di Falco) si è dimesso da assessore in maniera irrevocabile. Un gesto nobile che anticipa la revoca della delega del sindaco. Gurrieri ha scritto una lettera a Nicosia e al segretario generale per spiegare il suo gesto e per agevolare il percosso amministrativo. I tempi del sindaco Giuseppe Nicosia sono lenti, è notorio, per cui non c’è da meravigliarsi se sono passati 6 giorni dalla data d’annuncio della formazione della nuova giunta senza che sia successo nulla. Era sabato 6 dicembre, siamo a sabato 13 dicembre, ma i tempi slittano alla prossima settimana. Il cerchio non è chiuso e le richieste sono tante, anche se si tratta di un monocolore Pd e di molti tecnici di sicuro affidamento come Lisa Pisani e Gaetano Bonetta.

Di certo sarà piazza pulita, escluso la Vittoria mercati Srl e per gli esperti. Cambierà tutto anche all’Emaia, ridotta sul lastrico da una gestione non all’altezza della situazione, assediata da creditori che arrivano persino a pignorare i conti correnti. Il presidente Denaro potrebbe avere un altro incarico, ma il direttore Paolo Sbezzo di sicuro tornerà a fare il consulente del lavoro nel suo studio dal prossimo gennaio 2015.

Intanto la compagine Nicosia, oltre alle critiche di Fratelli d’Italia e da altri partiti d’opposizione, riceve qualche plauso. Dal gruppo «Sicilia democratica», creato da Lino Leanza, che a Vittoria ha un punto di riferimento in Salvatore Tolemeo (che 6 mesi aveva annunciato di candidarsi a sindaco) e che ha dichiarato sostegno all’amministrazione Nicosia, e dal movimento Territorio.

«Colgo con favore – dichiara il sindaco – la costituzione a Vittoria di Sicilia Democratica, movimento rappresentato da molti parlamentari regionali e da un europarlamentare e ritengo utile la presenza di un gruppo locale che raccolga esperienze importanti e belle persone come Salvo Tolomeo e come gli aderenti che saprà riunire attorno al progetto. Ringrazio il coordinatore cittadino per la spontanea dichiarazione di sostegno dell’azione amministrativa. Il suo appoggio si aggiunge ai primi segnali positivi provenienti anche da Territorio, e sono sicuro che con questi gruppi potrà essere avviato un proficuo dialogo, in uno spirito collaborazione che ci porterà ad affrontare non solo i restanti diciotto mesi del mio mandato, ma anche i futuri impegni per la città».

Il sindaco, Giuseppe Nicosia, annuncia poi che si va verso la chiusura della sospensione delle deleghe assessoriali. «Quella che sta per concludersi – dichiara Nicosia – è stata una settimana molto proficua, che ha visto susseguirsi gli incontri organizzati dalla segreteria cittadina del Pd, con una grande partecipazione della città, con diverse istanze di rinnovamento e con l’allargamento dell’esperienza amministrativa a settori cittadini che finora non erano stati coinvolti. Mi sembra di poter dedurre che la città chiede di andare verso un radicale rinnovamento, fermo restando che mantengo ampia fiducia nell’operato dell’amministrazione. Ora è tempo di giungere alla conclusione, e mi aspetto per martedì le valutazioni del Pd».


DIECI PICCOLI INDIANI
13/12/2014 | 21.31.04
scarpantibus

Dieci piccoli indiani: proprio come nel romanzo di Agata Christie...