Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Domenica 4 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 11:29 - Lettori online 721
VITTORIA - 10/12/2014
Politica - Nicosia vuole rappresentanze femminili (Rosa Perupato e Lisa Pisani?) e un assessore per Scoglitti

Nuovi assessori per Nicosia, ed intanto i parcheggi...

Intanto Ascom e Amministrazione comunale ai ferri corti per le zone blu Foto Corrierediragusa.it

Tiene banco a Vittoria la questione del rifacimento della nuova giunta, che dovrebbe concludersi in settimana, almeno come annunciato dal sindaco Giuseppe Nicosia (foto). Sono giorni, questi, in cui si susseguono le trattative segrete per cambiare in blocco i sei assessori uscenti, due di questi sono già dimissionari, Angelo Dezio e Filippo Cavallo. Gli altri 4 sono ancora sospesi, ma nulle sono le possibilità di ottenere la riconferma dal sindaco. Concetta Fiore, dicono esponenti del Pd, è da parecchio tempo che non partecipa alla vita del partito. Non è escluso che possa completare la legislatura come indipendente oppure approdare in un altro partito della sinistra a lei più congeniale. E anche Piero Gurrieri, dopo la consegna dei 3 progetti per le scuole di Vittoria e i risultati incassati con la legge sulla impignorabilità della prima casa, si vede di rado negli ambienti politici. Già frequentava poco prima, figuriamoci adesso. Fra qualche giorno scade il termine per la conferenza stampa che Gurrieri aveva preannunciato un mese fa, ma nel frattempo è venuta meno la ragion d’essere della conferenza stampa: Rosario Dezio ha rinunciato all’incarico e Angelo Dezio si è dimesso da assessore. Finita l’esperienza amministrativa, Piero Gurrieri potrebbe prestare attenzione alle politiche del Movimento 5 Stelle, movimento che lo ha sostenuto nelle sue battaglie sociali.

Rimangono due assessori come Gianni Caruano e Salvatore Avola. Caruano dopo aver chiarito la posizione sulle cooperative a lui vicine che erano state chiamate in causa, ha scelto la strada del silenzio; mentre Salvatore Avola, una sorta di «sindaco» di Scoglitti da 8 anni, sulla crisi politica non ha mai aperto bocca. Un silenzio molto eloquente. E di fatti il sindaco per la composizione della nuova squadra cerca un nome al quale affidare la delega per Scoglitti. E se fosse Marco Dezio, grande amico dei due ex Udc Santo Cirica e Franco Caruso? Per quanto riguarda gli altri nomi nuovi, si confermano quelli del preside Gaetano Bonetta e di Rosa Perupato. Si aggiunge anche quello dell’imprenditrice Lisa Pisani, mentre si depenna quello di Eliana Giudice, la quale ha ammesso di essere stata contattata ma di avere subito rifiutato. «Ho già l’impegno dell’Assoracket- ha detto Giudice- non posso prendere altri incarichi».

Intanto mai sono stati così aspri i rapporti fra Associazione commercianti di Vittoria e Amministrazione comunale. I tempi del feeling sono lontani, risalgono alla passata sindacatura. Le nuove norme sulle zone blu e le salate sanzioni per chi parcheggia senza mettere disco orario o apporre il ticket, hanno creato un punto di non ritorno tra il presidente dell’Ascom Antonio Prelati (il fratello Fabio è esperto del sindaco per le problematiche sportive) e Giuseppe Nicosia. «Non vogliamo fare la stampella a questa Amministrazione che disattende il nostro impegno a collaborare- esordisce Antonio Prelati- A noi sembra che questo tentativo di rilancio, da parte del sindaco, sia un bluff». Oggetto del contendere, come detto, i parcheggi. «A cominciare dal fatto – afferma Prelati – che il sindaco ha dato una risposta chiara sulla vicenda delle zone blu, su cui ci battiamo da mesi, affermando che non ritiene di accogliere questa nostra richiesta, anche e nonostante altri comuni agiscano in maniera differente. Non ci si è resi conto che si tratta di un danno pesante all’economia locale, ai consumatori, alle imprese, visto che si favorisce l’esodo verso i centri commerciali».

Si sperava nella concertazione, ma tutto si è arenato. «Alla luce di quanto sta accadendo- chiosa Prelati senior- non ci sentiamo di poterci assumere impegni con questo esecutivo che non fornisce le garanzie necessarie per avviare una proficua collaborazione. Lo ribadiamo: per noi dell’Ascom è soltanto un bluff l’impegno tanto annunciato». Biasimo per l’amministrazione, plauso all’azione del Pd. «Differente- sottolinea Prelati- è la volontà al confronto che abbiamo riscontrato da parte della segreteria cittadina del Pd. Il partito ha chiesto di incontrare le associazioni di categoria, un’attenzione apprezzabile. Nonostante ciò, il sindaco continua nella sua linea, quella di non prendere in considerazione l’Ascom».