Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Venerdì 9 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 23:37 - Lettori online 537
VITTORIA - 01/06/2008
Politica - Vittoria ? Intervista al neo assessore al Lavoro

Incardona: un vittoriese al governo regionale dopo 15 anni

Il deputato indica le priorità del suo nuovo mandato. Nello staff di esperti uomini di fiducia: Gianni Polizzi e Armando Caruso Foto Corrierediragusa.it

On Carmelo Incardona (nella foto), sa che dopo l´assessore Gaetano Battaglia, democristiano degli anni ´50, e Francesco Aiello, 15 anni fa, lei è il 3° vittoriese che fa parte di un governo regionale, esattamente il 57°?

"Mi sono documentato anch’io, tutto vero".

E che effetto le fa?

"Indescrivibile. Sono stanco ma felice. Felice di potere rappresentare, dopo 15 anni appunto, la mia città, prima che il territorio regionale, al governo della Sicilia".

Stanco per la vicenda dei pescatori che consegnano le licenze perché il caro-gasolio non consente di fare uscire i pescherecci?

"Stanco perché io non ho finito la campagna elettorale. Da quando s’è sciolto il governo Cuffaro non mi sono mai fermato".

Chi la conosce sa che è fatto per il lavoro. Un caterpillar che entra in tutti i settori senza andare troppo per il sottile. O Lavori pubblici o Lavoro e formazione, sempre lavoro è. An gli ha confezionato quest’ultimo, lasciando l’altro al suo collega di partito Giulio Gentile. Da chi è arrivato l’input?

"Mi hanno dato un assessorato di fascia A. Devo ringraziare il mio partito, del quale sono la sintesi delle varie correnti".

Santi Formica c’è rimasto male?

"E’ stato il primo a complimentarsi".

I vittoriesi da Incardona s’aspettano la ricostruzione del mercato e grande impegno per l’agricoltura. Lei invece dovrà vedersela con i problemi della formazione e dell’emigrazione.

"A Palermo la giunta decide collegialmente le iniziative e le attenzioni sul territorio. E in quella giunta siedo anch’io. Il problema, quindi, non si pone. Il Lavoro è tematica regionale, ma Vittoria deve ricostruire il mercato, dare ossigeno all’agricoltura, alla pesca, all’artigianato e al commercio. Assicuro tutti che Incardona c’è anche per questi comparti in collaborazione con gli altri assessori".

Un assessorato che funzioni necessita di un lavoro di squadra. Se sbaglia lo staff rischia in prima persona. Sento circolare nomi «esperti» che farebbero già parte del suo gabinetto: Gianni Polizzi, ex consulente di Gianfranco Fini, e Armando Caruso, attuale direttore amministrativo dell’Ausl 7.

"Lo staff di gabinetto è formato all’incirca da 21 persone. I nomi che ha fatto non li smentisco, anche se li ha fatti prima ch’io parlassi con loro. In ogni caso, dovranno lavorare molto: tanto quanto e più di me".

Formazione professionale. La Sicilia, fra tutte le regioni d’Italia, è quella con maggiore esubero di personale. I suoi predecessori le lasciano in eredità bozze di riforma mai riformate. Gli operatori attendono la riqualificazione, uno scivolamento per chi è prossimo alla pensione, lo stipendio puntuale ogni fine mese, più sicurezza nel lavoro e più professionalità da mettere al servizio di chi dalla formazione mira a una fonte d’occupazione.

"Il quadro che lei mi dipinge lo vedrò quando metterò piede per la prima volta in via Imperatore Federico. Andiamo per ordine: lo stipendio deve essere certo ed erogato mensilmente. I ritardi stipendiali sono irriguardosi dei diritti dei lavoratori, un esempio di cattiva amministrazione della Regione. Per lo scivolo ci sono costi e aspetti previdenziali che devo approfondire. Per quanto riguarda il rilancio della Formazione, penso di attingere a fondi europei al fine di migliorare la professionalità e la riqualificazione del personale".

Il primo vero ostacolo, la burocrazia regionale. Un problema per un pragmatico come lei.

"I problemi si superano cercando e dando dialogo e disponibilità".