Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Lunedì 5 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 11:16 - Lettori online 878
VITTORIA - 10/01/2014
Politica - Il sindaco Nicosia alle prese con la spinosa vicenda sollevata da Sel

L’assessore Gurrieri chiede dimissioni dell’assessore Dezio

Divampa la questione sollevata dal consigliere Enzo Cilia sui lavori di pulizia in un sito privato. Il vice presidente di Avviso Pubblico: "Un comportamento che viola la Carta di Pisa". Atteso il pronunciamento del sindaco
Foto CorrierediRagusa.it

Assessori contro! E’ diventato un caso abbastanza spinoso che potrebbe avere risvolti pesanti e inaspettati sulla giunta del sindaco Giuseppe Nicosia (nella foto alzato accanto a Cilia e a Gurrieri). Il caso, come già anticipato, è stato portato a galla dal consigliere Enzo Cilia. Una sua interrogazione dal contenuto imbarazzante chiama in causa l’assessore Dezio, proprietario di un locale sito in via Carlo Alberto, angolo via Vicenza e via Cavour, l’ex Giarratana ferramenta, che è stato pulito all’interno da personale della Sap, l’azienda che gestisce la raccolta dei rifiuti.

«E’ legale tutto questo?», ha chiesto Cilia al sindaco. La risposta di Dezio che abbiamo riportato ieri non è stata giudicata congrua e convincente da Enzo Cilia, che il giorno dopo rincara la dose, e nemmeno dall’assessore alla Trasparenza Piero Gurrieri, che sulla vicenda si appella alla Carta di Pisa. Gurrieri, che su questi temi è molto intransigente, consiglia al sindaco di prendere le «opportune iniziative», che dagli intenditori vengono ritenute delle vere e proprie richieste di dimissioni dell’assessore Dezio.

Che cosa dice Gurrieri sulla vicenda? «Le dichiarazioni rilasciate dall´assessore ai Lavori pubblici non consentono di ritenere superata la problematica attualmente al centro del pubblico dibattito. Il secondo dei due contratti richiamati dal collega (quello definito con la SAP) non permette, mancando la registrazione, di rassicurare l´opinione pubblica circa la data della sua stipula (indicata nell´8 ottobre 2013). Ma a prescindere da ciò, la Carta di Pisa non consente ad un pubblico amministratore di stipulare contratti "a titolo oneroso" (così espressamente è qualificato dai contraenti quello in questione) con una società appaltatrice, né ammette la possibilità di una sorta di scambio tra prestazioni. Si tratta pertanto di una situazione obiettivamente insostenibile che determina profondo disagio e alimenta discredito sull´immagine dell´amministrazione. Quale assessore alla Trasparenza, ma soprattutto quale vicepresidente di Avviso Pubblico, chiedo al sindaco di assumere le opportune iniziative, peraltro espressamente contemplate dalla Carta, sempre che il collega non ritenesse di assumerne altre di carattere personale. Pur se umanamente dispiaciuto della vicenda, ritengo non sia possibile per nessuno, me compreso, sottrarsi alle proprie responsabilità». Tradotto in un solo periodo, l’intervento di Piero Gurrieri consiglia al sindaco Nicosia di «licenziare» l’assessore Dezio e allo stesso Dezio di anticipare le decisioni del sindaco dimettendosi dall’incarico.

Il sindaco Nicosia, secondo le voci che circolavano in mattinata, dovrà leggere l’interrogazione di Enzo Cilia e la risposta di Angelo Dezio prima di decidere. Qualcuno scommette che il rimpasto già annunciato si farà prima dei tempi previsti.