Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Venerdì 9 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 15:44 - Lettori online 1636
VITTORIA - 30/12/2013
Politica - Il resoconto del sindaco Nicosia sull’anno di attività amministrativa

Vittoria, le luci e le ombre della giunta

Fra le note positive: il riconoscimento di Zona franca urbana, l’abbellimento di via Cavour, la Vittoria mercati, e il Vittoria Jazz Festival. Ombre per quanto riguarda le strade e il lungomare di Scoglitti che cade a pezzi. Ma a gennaio con la nuova giunta…
Foto CorrierediRagusa.it

Come tradizione vuole, il 2013 si chiude con la consueta conferenza stampa del sindaco Giuseppe Nicosia (nella foto al centro tra l’assessore Piero Gurrieri e il presidente del Consiglio Salvatore Di Falco). Una elencazione di tutte le cose fatte, alcune di rilievo, altre di ordinaria amministrazione e di routine. In tempi di magra, anche i comuni, una volta abituati a dispensare soldi come coriandoli, oggi sono costretti a lavorare in parsimonia.

Sorvoliamo sulle cose di scarso rilievo che vengono evidenziate nella rassegna stampa consuntiva, o sulle altre che magari con una giunta amministrativa più dinamica si potevano fare, piace mettere in risalto, gli eventi che hanno fatto (per ora solo sulla carta) compiere un salto di qualità alla città. Il riconoscimento della Zona franca urbana è sicuramente il «colpo» dell’anno della giunta Nicosia. L’amministrazione ci aveva lavorato da molto tempo, e il sindaco ha appreso con soddisfazione dal «Sole 24 ore» la notizia che anche Vittoria faceva parte delle 44 città del meridione d’Italia individuate dal Ministero dello Sviluppo economico. «Un grande risultato raggiunto, una battaglia vinta!»- fu il commento di Nicosia. Ma ora occorre saper cogliere la grande opportunità.

L’8 marzo scorso il sindaco fece la voce grossa con la Regione per ottenere interventi dal suo amico Rosario Crocetta tramite l’assessorato regionale Territorio e Ambiente, in particolare ai Servizi 1, Valutazione impatto ambientale, e 5, Demanio e per chiedere immediati interventi finalizzati sia ad eliminare la sabbia che di recente si è ammassata sulla Riviera Lanterna, a Scoglitti, sia per risolvere il problema dell´insabbiamento dell´imboccatura del porto. La sabbia è stata tolta nel mese di giugno, non sappiamo se con gli interventi regionali, ma il lungomare è ancora lì, transennato e pericolante, roso dall’incalzare delle onde che minacciano anche le case al di là della strada. Speriamo che qualche pedone o automobilista che utilizza il marciapiede per andare verso Baia Dorica non crolli in fondo al mare insieme a ciò che resta di quel pezzo di riviera.

Buono il progetto avviato e in via di completamento per rendere bella via Cavour. Siamo ancora all’anno zero, però, per quanto riguarda la copertura delle buche sulle strade che con l’arrivo delle piogge sono diventate trappole mortali per moto e vetture.

Positivo l’avvio della Vittoria mercati srl e l’ottenimento del marchio di qualità portato avanti dal consiglio di amministrazione presieduto da Emanuele Garrasi.

Settore cultura e spettacoli, si conferma il fiore all’occhiello della città il Vittoria jazz festival, per il quale anno 2014 si prevedono altre mirabile.

Prevenzione e repressione, i Vigili urbani hanno fatto sentire la voce grossa con sanzioni a raffica per tutte le irregolarità compiute: ma per piegare la resistenza dei vittoriesi ci vuole ben altro che il libretto delle contravvenzioni, soprattutto in tema di abusivismo, discariche abusive e fitofarmaci illegali.

Questo è quanto. Dire solo che tutto va bene appartiene alla categoria dei coristi e velinari felici, fare risaltare le negatività può aiutare chi amministra a non ripetere gli stessi errori e a svegliare coloro che si cullano e dormono sugli allori. Buon anno a tutti, in attesa del rimpasto amministrativo, che dovrebbe portare più vitalità in una giunta a tratti soporifera.