Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Domenica 11 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 23:05 - Lettori online 649
VITTORIA - 03/10/2007
Politica - Vittoria - Ignoti avevano tranciato i cavi dell’amplificazione

Il sindaco sporge denuncia
"Atto vandalico nel comizio"

Nicosia risponde a Cannella sulle deleghe speciali Foto Corrierediragusa.it

Ancora strascichi del comizio spettacolo del sindaco Giuseppe Nicosia (nella foto). Quest´ultimo ha difatti sporto denuncia contro ignoti per l´atto vandalico subuto mentre parlava alla gente dal palco. Dei vandali avevano difatti tranciato i cavi dell´amplificatore, "zittendo" Nicosia.

Il primo cittadino intanto parla di deleghe speciali, ritenendole opportune e necessarie. E ci sono anche precedenti eccellenti. E´ questa la risposta di Nicosia a Giuseppe Cannella.

"La giunta Giovanni Lucifora (?93-95) e anche la penultima amministrazione Aiello hanno fatto ricorso a consiglieri delegati". Prima di rispondere a Giuseppe Cannella, che aveva sollevato dubbi sulla regolarità e opportunità del conferimento delle deleghe a Giovanni Formica e Salvatore Artini, il sindaco Giuseppe Nicosia s’è messo a rivedere fra le carte del passato.

E ha trovato che proprio il sindaco Lucifora (fra gli assessori c’era anche Cannella) attribuì la delega con compiti speciali al consigliere della Rete. Esperienza ripresa e ripetuta da Francesco Aiello subito dopo, quando conferì la delega al «gemellaggio» al consigliere Maria Amorelli. Al di là di questo, Nicosia spiega al consigliere di Bellaciao che "si tratta di un esempio di partecipazione, oltre che di rispetto per il ruolo del consiglio comunale. Dice bene, il consigliere Cannella, si tratta di figure importanti che possono aiutare, a titolo gratuito, l’amministrazione comunale. La scelta di attribuire deleghe ai consiglieri è assolutamente in linea con la metodologia della partecipazione e del coinvolgimento del consiglio comunale".

Nicosia è talmente convinto della bontà della sua scelta che nei prossimi giorni conferirà altre deleghe di questo tipo. Diversi consiglieri si sentiranno anche assessori «senza portafoglio» ma con poteri speciali. "Fra l’altro- dettaglia il sindaco- per la delega in sé, non vi è alcuna normativa specifica in tal senso. Ci sono i precedenti, e non solo nelle giunte Aiello (con il consigliere Amorelli che aveva la delega ai gemellaggi), ma anche con la giunta Lucifora, di cui Cannella faceva parte. Fu proprio quella giunta, infatti, ad attribuire la delega all’Ambiente al consigliere della Rete. Trovo quindi contraddittorio che il consigliere Cannella, che allora era parte di quell’esecutivo, chieda a me spiegazioni su una scelta che venne introdotta proprio dalla giunta della quale faceva parte".