Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Giovedì 8 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 15:45 - Lettori online 833
VITTORIA - 25/04/2013
Politica - Perché la sinistra si è astenuta dal voto per l’approvazione del bilancio consuntivo?

Consiglio approva bilancio consuntivo

Garofalo, Cilia e Mustile spiegano i motivi dell’atteggiamento neutrale: «Il consuntivo, infatti, non ha rispecchiato l’impalcatura che era stata concordata un anno fa»
Foto CorrierediRagusa.it

"Perché ci siamo astenuti durante la votazione dell’approvazione del bilancio consuntivo 2012". Sel, che in Consiglio comunale onta 3 esponenti, Mariella Garofalo, Enzo Cilia e Giuseppe Mustile, spiegano i motivi che li hanno spinto a rimanere neutri di fronte all’approvazione dello strumento economico della città, il consuntivo 2012. Il bilancio è stato approvato con 12 voti della maggioranza.

«Siamo stati –scrive Sel - l´unica forza di opposizione a rimanere in aula e negli interventi fatti durante la discussione abbiamo fatto emergere tutte le criticità all´interno dello strumento finanziario. Il consuntivo, infatti, non ha rispecchiato l´impalcatura che era stata concordata un anno fa. Tagliate con un colpo di penna le somme che erano state previste per gli asili nidi, per il piano per il lavoro; trasformato in contributo ad una sola associazione di categoria il fondo di garanzia per le imprese; mentre è stato impinguato il fondo di riserva destinato al sindaco che è stato utilizzato per spese non di somma urgenza (feste e festini)».

Ma allora perché i consiglieri di Sel non sono usciti dall’aula come altri esponenti hanno scelto per dissentire dal voto? «Con la nostra presenza in aula- precisano- abbiamo voluto lanciare un segnale forte alla città. L´approvazione entro i termini del bilancio consuntivo, infatti, consentirà di far arrivare circa 10 milioni di euro che serviranno a pagare i debiti accumulati verso fornitori del Comune, come previsto dal DECRETO-LEGGE 8 aprile 2013, n. 35. «Disposizioni urgenti per il pagamento dei debiti scaduti della pubblica amministrazione, per il riequilibrio finanziario...». Una vera e propria boccata d´ossigeno per le imprese e per gli artigiani».

Nella foto sopra, Salvatore Garofalo, Pippo Pollara, Mariella Garofalo e Pippo Mustile