Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Mercoledì 7 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 9:49 - Lettori online 1359
VITTORIA - 05/01/2013
Politica - Mercoledì prossimo vertice di maggioranza

Nicosia, pazienza finita: appello a Sel e Udc

Sono venti gli aspiranti alla presidenza della Vittoria mercati srl. Da esaminare i curricula di Paolo Monello, Piero La Terra, Michele Guzzardi, Roberto Giusto e tanti giovani professionisti. Ultima chiamata per Sel e Udc prima di nominare il sesto assessore
Foto CorrierediRagusa.it

L’agenda delle priorità di questo inizio 2013 del sindaco Guseppe Nicosia (foto) è molto fitta: Amiu, Vittoria mercati srl, nomina del sesto assessore di giunta, verifica dei rapporti con alleati ed ex alleati. Entro la prima decade del mese, massimo le due settimane di gennaio, il sindaco vuole colmare i vuoti ancora esistenti nella sua squadra, proprio in coincidenza con la relazione annuale che porterà all’attenzione della coalizione mercoledì prossimo. Nicosia parlerà senza peli sulla lingua, sperando di ottenere risposte chiare riguardo all’eventualità di riprendere i rapporti con i partiti con cui aveva iniziato il percorso politico e amministrativo all’indomani dalla vittoria delle elezioni. «Con Sel i rapporti istituzionali sono ottimi- dice il sindaco- ma non so con quale segreteria dell’Udc mi devo confrontare per capire se c’è l’intenzione di riallacciare quel filo che loro stessi avevano interrotto».

L’Udc non ha consiglieri comunali, le elezioni sono state un flop sotto il profilo numerico, né i vertici provinciali Pinuccio Lavima e lo stesso deputato regionale Orazio Ragusa, si sono fatti sentire dopo quelle fiammate iniziali che avevano minacciato il commissariamento in quei comuni con percentuali di voto al di sotto le aspettative.

Giuseppe Nicosia non può attendere all’infinito, ecco perché mercoledì la sua verifica suonerà come un’ultima chiamata prima dell’imbarco immediato. «Non voglio puntare su un monocolore- spiega Nicosia- sono fiducioso nei partner con cui ho cominciato questa esperienza. Ma non posso attendere ancora, entro la prossima settimana nominerò il sesto assessore (mi piacerebbe rafforzare la presenza femminile in giunta) e il presidente della Vittoria mercati srl». Non è escluso che le due nomine comprendano anche una revisione di incarichi e competenze dentro la giunta, per premiare chi ha lavorato molto e bene e penalizzare chi ha dato poco e male. Se Sel e Udc non raccoglieranno l’invito bonario, il sindaco sarà costretto a nominare un assessore dell’area Pd o della lista Crocetta, magari di sesso femminile.

Per quanto riguarda la Vittoria mercati srl, il cui bando per diventare presidente è scaduto ieri, la notizia è che nella carpetta degli aspiranti che il sindaco custodisce ci sono una ventina di nomi e cognomi. «Molti giovani professionisti con curriculum di tutto rispetto- afferma Nicosia- ma anche figure politiche dotate di buona esperienza».

Tra le figure politiche annoveriamo Paolo Monello, ex assessore della prima sindacatura Nicosia; Michele Guzzardi, già direttore Emaia con Nicosia e poi candidato alle comunali con la lista di Francesco Aiello; Piero La Terra, imprenditore agricolo ed ex assessore all’Agricoltura di Nicosia; e infine Roberto Giusto, un fedele militante di partito dai tempi della Prima Repubblica con lo «Scudo crociato». Se L’Asp non darà il nulla osta a Nuccio Tuttobene, il nuovo presidente della Vittoria mercati sarà uno dei 20 nomi che figurano nella carpetta del sindaco.

Riguardo alle ultime primarie per le «parlamentarie» e agli ultimi risultati regionali, il sindaco non è tenero con la segreteria provinciale del Pd «che non riesce a valorizzare il partito ipparino, il più unito e compatto con le sue 1.200 tessere e il più penalizzato rispetto a quello modicano, ispicese e altri circoli. Credo che alla luce di questi comportamenti sia giunto il momento di rivedere certi rapporti con la segreteria provinciale». Nicosia è critico anche con il suo circolo «perché non ha buoni rapporti con le altre città. E questo è un nostro limite».