Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Giovedì 19 Luglio 2018 - Aggiornato alle 22:18
VITTORIA - 17/11/2012
Politica - Vittoria: il sindaco alle prese con la formazione della nuova squadra

Nicosia e unità Pd Vittoria: tanti i pretendenti

Ci sono da nominare il sesto assessore, le presidenze di Vittoria mercati, Sogevi e collegio dei liquidatori Amiu
Foto CorrierediRagusa.it

Rientrato da Palermo per l’insediamento del presidente Rosario Crocetta, il sindaco Giuseppe Nicosia (foto)dovrà riempire molte caselle vuote della sua squadra. Sarà ancora un monocolore Pd? «Ho sempre sostenuto che il monocolore non mi piace- ammette Nicosia- ma non posso far nulla se i primi compagni di viaggio hanno deciso il disimpegno dopo il primo anno di percorso amministrativo». Il riferimento è all’Udc e a Sel. Il sindaco non lo dice apertamente, ma la lista di chi bussa tuttora alla porta per rientrare è lunga: tanti consiglieri dichiarati indipendenti non possono rimanere indipendenti a vita, qualcuno potrebbe ottenere qualcosa.

Sel è sempre lottata fra chi vorrebbe ricercare la collaborazione con la maggioranza e chi la rifiuta in partenza. E anche nell’Udc non tutti sono stati felici di star fuori dalla giunta. Ora l’Udc ha due uomini nuovi, è c’è Mario Mascolino che vanta una discreta esperienza amministrativa.

Ecco cosa c’è in palio per chi avrà voglia di ammnistrare. Il sesto assessorato, che Nicosia potrebbe riservare ad Angelo Fraschilla appena gli scadrà il mandato di direttore Emaia; un presidente alla Vittoria mercati srl dopo il «no» di Nuccio Tuttobene; un presidente alla Sogevi, dopo Livio Mandarà che ha tentato fortuna in Cantiere popolare; un collegio di liquidatori Amiu (per lungo tempo, considerato l’esperienza Ato: passano gli anni ma non si liquida niente); un componente nel Cda dell’Emaia, ovvero il posto lasciato libero da Sel. Insomma, di posti a «concorso», ce ne sono parecchi, basta presentare la domanda e saper cogliere l’attimo fuggente.