Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Martedì 6 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 15:01 - Lettori online 1393
VITTORIA - 10/03/2008
Politica - Vittoria - Nuovo colpo di scena nel Pd

Angelo Dezio getta la spugna
in maniera definitiva

Ricontattato Piero Gurrieri, gradito dalla Finocchiaro e da Lumia Foto Corrierediragusa.it

Angelo Dezio (nella foto) non si candida più. Per motivi familiari che da sempre hanno tormentato l’architetto; e per le difficoltà sopravvenute nella composizione delle due liste. La notte appena trascorsa non ha portato i frutti voluti e tutto torna in alto mare.

Il motivo principale della rinuncia di Dezio è l’inserimento del suo nome nella lista del Pd capeggiata da Giuseppe Digiacomo. Il coordinatore Giovanni Formica ha avuto contatti con Piero Gurrieri, che non esclude a priori la sua candidatura. Gode del consenso personale di Beppe Lumia e di Anna Finocchiaro. "Se c’è chiarezza e unità d’intenti- dice il vice coordinatore Gurrieri- sarei pronto a impegnarmi per il partito".

L’ex sindaco di Comiso sa che per per prendere il seggio e non rischiare seriamente in prima persona, dev’essere in compagnia di candidati forti e autorevoli come Dezio, Solarino e Fonte. Siccome questi aspirano a Sala d’Ercole tanto quanto Digiacomo, non vogliono fare i portatori d’acqua al capolista del Pd e preferiscono essere inseriti nella lista di Anna Finocchiaro, che a Ragusa dovrebbe essere capeggiata da Roberto Ammatuna.

Se entro oggi non troveranno l’accordo con due liste bilanciate e in grado di fare scattare due seggi, potrebbe saltare tutto, e non si escluderebbe neanche la clamorosa rinuncia di qualche altro candidato. I cavalli di razza del Pd non vogliono entrare nelle gabbie di partenza, rischiando persino di rimanere a bocca asciutta. Hanno due liste a disposizione e non sanno scegliere la più vantaggiosa. Il bello della politica. Ma perché non adottano il sorteggio come quegli eredi che non riescono a spartirsi l’eredità ricevuta in parti uguali?

Piero Gurrieri