Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Sabato 3 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 16:41 - Lettori online 779
VITTORIA - 31/08/2012
Politica - L’esito dei contatti con i socialisti e la ripresa del dialogo con udicini

Psi e Udc più vicini a Nicosia, in autunno potrebbero entrare in giunta

Il segretario del Pd Di Falco ottimista, ma Diquattro frena: «Dialogo proficuo, ma ancora non c’è un’apertura totale»
Foto CorrierediRagusa.it

Quando le correnti cicloniche che imperversano sulla Sicilia per definire accordi politici e candidature all’Ars si placheranno, una piccola scossa tellurica arriverà anche nella giunta amministrativa vittoriese. Il sindaco Giuseppe Nicosia sarà costretto a spronare la sua squadra e nelle peggiori delle ipotesi anche a licenziare qualche assessore che si è limitato a fare ordinaria amministrazione. Più di uno. Non facciamo nomi per non provocare musi lunghi, preoccupazioni e disimpegni in vista della consultazione elettorale.

Anche se non dispongono di consiglieri comunali pronti a supportare l’azione amministrativa, è probabile che in giunta, o in qualche posto di sottogoverno, facciano ritorno i socialisti di Carmelo Diquattro (foto) e gli udicini di Salvo Barrano, ora con la sacra benedizione dell’accordo nazionale che vede Bersani e Casini uniti in municipio e in chiesa. Finita l’esperienza di Rosario Lo Monaco a palazzo Iacono, Barrano dovrà fornire altri nomi per andare a occupare eventuali posti in giunta oppure per gestire la Vittoria mercati srl, che per lo scudo crociato è stato un pallino fisso sin da prima di firmare l’accordo elettorale con Nicosia. Non ci sono molti nomi in circolazione, per cui non è escluso che lo stesso coordinatore Barrano si spenda in prima persona in favore della causa vittoriese.

Per ciò che riguarda i socialisti, chi potrebbe essere l’uomo di punta se non Carmelo Diquattro, che vanta molti gettoni assessoriali dai tempi della sindacatura Francesco Aiello e altrettanti posti di sottogoverno alla presidenza Sogevi? L’analisi appena fatta non è del tutto utopistica, perché le aperture e le «moine» che le segreterie dei partiti si sono lanciati sotto gli ombrelloni senza alcuna titubanza, lasciano intuire accordi futuri e duraturi. Esempio? Comunicato stampa del Pd: «La segreteria del Partito democratico ha tenuto un positivo incontro con i dirigenti del Partito socialista. La riunione si è svolta in maniera cordiale. I due partiti hanno condiviso la candidatura di Rosario Crocetta alla presidenza della Regione Siciliana. Il Psi vittoriese ha espresso parere favorevole rispetto all’idea di un’alleanza che veda coinvolti il Pd e l’Udc. Vale a dire, le forze progressiste insieme alle forze moderate. I dirigenti socialisti hanno dichiarato di fare parte del campo del centrosinistra. E hanno manifestato l’intenzione di partecipare a tutti gli incontri ufficiali della maggioranza di governo che guida la città di Vittoria. Il Pd, dal canto suo, accoglie la posizione di totale apertura manifestata dai socialisti. D’ora in avanti il Psi si metterà nelle condizioni di condividere apertamente il percorso politico-programmatico del centrosinistra vittoriese».

La risposta del segretario provinciale Carmelo Diquattro è però tiepida: «Il confronto tra Psi e Pd è stato sì molto proficuo e ricco di spunti interessanti. Ma non parleremmo ancora di totale apertura manifestata dal nostro partito nei confronti dell’Amministrazione quanto della opportunità di verificare la possibilità di intese su programmi e tematiche ben precise che hanno a che vedere con il futuro della nostra città».

Discorso chiaro come un libro aperto. Per quanto riguarda l’Udc e gli interessi attorno alla Vittoria mercati, un comunicato stampa del sindaco indica le ipotesi appena fatte. Con la delibera 439 del 28 agosto scorso, la Giunta ha approvato l’Atto di indirizzo per la gestione dei servizi del mercato ortofrutticolo. «Premesso che il comune ha urgenza di riorganizzare alcuni servizi al fine di migliorare l’operatività della struttura mercatale – ha dichiarato il sindaco Giuseppe Nicosia – attraverso il presente atto d’indirizzo l’Amministrazione comunale intende dettare le linee fondamentali per alcuni servizi indispensabili per il funzionamento della struttura di Fanello. L’atto deliberato, valido dal 1° settembre al 31 dicembre 2012, nelle more che il Consiglio comunale definisca la convenzione pluriennale, esprime la volontà di affidare alla Vittoria Mercati srl, tra l’altro, la gestione del servizio di riscossione degli ingressi al mercato ortofrutticolo e del servizio di pulizia, oltre a demandare alla stessa società la quantificazione dei costi per la realizzazione dei servizi affidati e la determinazione delle entrate per la gestione degli stessi». E la Vittoria mercati, attualmente sotto il controllo di Filippo Tuttobene, a chi sarà affidata?


risposta a stega
03/09/2012 | 11.49.51
Cavallo di razza

egregio amico stefano ti voglio ricordare che Carmelo Diquattro nella passata tornata elettorale i voti sono stati piu´ di 160, considerando che
Che c´erano diversi canforati e quindi era difficilissima.con questo ti consiglio di documentarti prima di scrivere,così´ eviteresti qualche malafigura


porte girevoli
01/09/2012 | 13.38.07
bertoldo

Porte girevoli: chi entra, chi esce, chi viene, chi va, chi torna... Sempre dopo drammatiche e severe disamine ideologiche, programmatiche, "culturali": quelle della poltroncina più acconcia, cum mercede...


il nuovo che avanza"carmelo di quattro"
31/08/2012 | 16.42.13
stega

l´esperienza decennale del di quattro mancava in questa giunta,ricordiamo benissimo cio che ha fatto in passato da assessore...un emerita mazza,ricordiamo anche i tantissimi voti presi nell´ultima tornata elettorale!! una quarantina.. è giusto che vada in giunta,ha tutte le carte in regola.