Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Sabato 10 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 18:19 - Lettori online 798
VITTORIA - 28/02/2008
Politica - Vittoria - Pronta risposta alle accuse di Giovanni Denaro

Corbino ritirerà la candidatura alle Nazionali se noterà dissensi

«Credo che l’unità del partito sia molto importante" Foto Corrierediragusa.it

«Se c´è una parte di partito che la pensa come Giovanni Denaro non accetterò la candidatura che mi è stata proposta». Francesca Corbino (nella foto) risponde alle accuse di Denaro. Se sulla sua candidatura alle nazionali non c’è unanimità, è pronta a ritirarsi.

«Credo che l´unità del partito sia molto importante in questo momento e in nome di quest´unità sono disposta a non accettare la candidatura». Giovanni Denaro ha toccato duro con l’intervento di ieri. Ha messo in riga il partito, ha detto alla nuora ciò che intende far sapere alla suocera, che in tal caso sarebbe il coordinatore Giovanni Formica.

«Il coordinatore deve avere una sua linea e portarla avanti senza condizionamenti. Se sbaglia deve rischiare per se’ non per conto terzi». E’ l’evidenza che quell’unità sancita con l’elezione del coordinamento all’unanimità è una finta unanimità.

In attesa che arrivi il disco verde per le candidature regionali, i dirigenti del Pd si stuzzicano più o meno velatamente. Giungono brutte notizie da Roma, e gli aspiranti candidati di Vittoria aspettano con trepidazione di sapere chi sarà il candidato comisano.

Le ultimissime vogliono Giuseppe Digiacomo alle regionali, il che significa che il candidato forte vittoriese potrebbe dare spazio a uno meno forte per non bruciarsi nella competizione con Digiacomo, che deve andare assolutamente o a Roma o a Palermo.

I dirigenti nazionali hanno difficoltà enormi a far quadrare i conti per la Camera e il Senato, tanto che molti big rischiano di saltare. Insomma, per Digiacomo ai primi posti della lista è difficile, meglio Palermo. In tal caso, il primo a farsi da parte è Fabio Nicosia. Non intende entrare in competizione con Digiacomo. «A meno che- sostiene Nicosia- non mettano Vittoria con i comuni di Ragusa, Scicli, Pozzallo». In quel caso la concorrenza scatterebbe con Tonino Solarino e Roberto Ammatuna.

Ma torniamo alle turbolenze dentro il Pd, alla cui base ci sono le prossime elezioni regionali. «Mi dispiace apprendere dai giornali la posizione di Denaro- precisa Francesca Corbino- avrei preferito che fosse venuta fuori in assemblea o conoscerla direttamente.

Dobbiamo affrontare una campagna elettorale con un grande coinvolgimento di tutti,queste spaccature alle quali fa riferimento Denaro devono venire fuori ed inviterò il coordinatore a proporre il problema in assemblea».