Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Martedì 6 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 20:40 - Lettori online 1511
VITTORIA - 14/02/2008
Politica - Vittoria - Forza Italia scalda i motori al suo interno

Leontini sfida Terranova: "Càndidati alle Regionali"

Partecipata l’inaugurazione di una nuova sede voluta da Comisi Foto Corrierediragusa.it

Innocenzo Leontini (nella foto) si reca a Vittoria a inaugurare una nuova sezione azzurra, parla di candidature e sfida Riccardo Terranova: "Mi farebbe piacere se si candidasse alle regionali, arricchirebbe le potenzialità della lista e sarei felice di confrontarmi con lui sul suo terreno. Ritengo che sia il versante modicano che quello ipparino debbano avere rappresentanze forti oltre alla mia". Un po’ di peperoncino in casa azzurra non guasta a due mesi dal voto.

Fa un certo effetto vedere Innocenzo Leontini inaugurare una nuova sede di Forza Italia a Vittoria e non associarlo accanto a Riccardo Terranova. Entrambi sono sempre dello stesso partito, ma da un po’ di tempo stanno agli antipodi. Riccardo Terranova, ex delfino di Innocenzo Leontini, oggi è molto vicino a Nino Minardo, sicuro candidato alla Camera al posto di zio Riccardo oggi autonomista. Nel cuore di Leontini in questo momento c’è Fabrizio Comisi, medico e primario del reparto di Pediatria all’ospedale di Vittoria. A Vittoria Forza Italia è spaccata in due. Quella che fa capo al coordinatore Riccardo Terranova e quello che vede uniti Fabrizio Comisi, Simone Artimagnella e Giovanni Salerno.

A Vittoria, l’ex assessore regionale Leontini è apparso carico e grintoso, pronto ad affrontare la nuova sfida elettorale e ben disposto a confrontarsi con chiunque, magari a ripetere lo scontro-confronto dell’ultima campagna elettorale, quando il pro console di Berlusconi in Sicilia, Gianfranco Micciché, arrivò a Modica nel pieno della campagna elettorale in elicottero per imporre il voto in favore di Nino Minardo piuttosto che Innocenzo Leontini. I ragusani non gradirono l’imposizione e risposero diversamente, votando in prevalenza Leontini. L’ispicese ha scherzato sull’argomento dicendosi pronto ad accettare qualsiasi tipo di sfida. Ma stavolta sembra che non abbia rivali in casa, perché Nino Minardo è destinato a prendere il posto che fu dello zio Riccardo alla Camera dei deputati.

Riccardo Terranova