Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Sabato 3 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 11:08 - Lettori online 1127
VITTORIA - 07/01/2012
Politica - Inizia una settimana decisiva per l’amministrazione vittoriese

Rimpasto, ecco i probabili assessori: Cilia, Caruano, Fiore e Pippo Mascolino

Il sindaco Nicosia nominerà Cilia successore di Garofalo, che potrebbe andare a liquidare l’Ato. Tutto pronto anche per la nomina di presidenza cda dell’Emaia. Si fa avanti "Il Cittadino" nel caso ci fosse bisogno di collaborazione
Foto CorrierediRagusa.it

Il primo assessore ad essere nominato sarà Enzo Cilia, al posto del dimissionario Salvatore Garofalo, che a sua volta potrebbe ricoprire il ruolo di componente del Collegio dei liquidatori dell’Ato insieme a Giancarlo Migliorisi e a un designato del comune di Scicli o di Modica. Enzo Cilia sarà assessore, con le stesse deleghe del predecessore, ma sul ruolo di vice sindaco deve fare i conti con l’ostracismo del Pd. Ieri mattina ci sarebbe stato un vertice tra Partito democratico e una delegazione Sel per chiarire faccia a faccia i dissidi creati dalle conferenze stampa. Secondo le ultime ipotesi, la nuova squadra assessoriale che amministrerà con Giuseppe Nicosia (nella foto con Piero Gurrieri dietro), dovrebbe essere composta da Enzo Cilia (Sel) Gianni Caruano e Piero Gurrieri (Pd) Concetta Fiore (Incontriamoci), Pippo Mascolino (Progetto Vittoria), Rosario Lo Monaco (Udc).

Se Cilia decide di non dimettersi da consigliere comunale, si dimetterà Gianni Caruano e sarà vice sindacco lasciando spazio in Consiglio a Giovanni Formica. Saranno i partiti, comunque, a decidere chi dei 3 assessori potrà rimanere anche in consiglio comunale come previsto dalla legge. Per la Vittoria mercati non c’è ancora niente, ma per l’Emaia si confermano i nomi di Pippo Pollara (Sel) alla presidenza e di Angelo Fraschilla alla direzione. Per l’Amiu, invece, scontate le dimissioni del direttore Salvatore La Terra con la nomina assessoriale della moglie Concetta Fiore, che lascerebbe il posto a Paolo Sbezzo alla direzione. Se il direttore dell’Amiu sarà un altro, Sbezzo entrerà in Consiglio al posto di Elio Cugnata che andrebbe nel cda dell’Emaia.

La coperta è piccola per via dei tagli, i pretendenti però sono molti. Fra questi anche il nuovo movimento civico Il Cittadino fondato da Fabio Prelati, che con una dichiarazione inequivocabile si mette a completa disposizione del sindaco Nicosia, qualora volesse tenere conto anche dei «meriti, coerenza e coraggio» dei componenti il neo movimento ha dimostrato in anni di fedeltà totale. Il tentativo è salvare l’assessore di Giuseppe Malignaggi, da tempo storico alleato di Nicosia.

«Con riferimento alla verifica amministrativa- scrive il coordinatore del Cittadino Francesco Cannizzo- peraltro ovvia e già prevista nella fase elettorale di sei mesi addietro, riteniamo che il sindaco Nicosia possieda l’adeguata autorevolezza ed equilibrio che gli consentiranno di riconoscere meriti, coerenza e coraggio a quei gruppi politici, compreso il nostro, che hanno contribuito al successo della coalizione che lo sostiene, confermandone la partecipazione all’interno della giunta con un proprio rappresentante. Pertanto, scegliamo di lasciare tranquillo il sindaco e, invece, proponiamo l’individuazione di alcune priorità programmatiche da affrontare e risolvere con lo spirito di gruppo che ha contraddistinto questo inizio di legislatura. Consapevoli di trovare ampia disponibilità negli alleati, alcuni temi potrebbero riguardare il PRG della città, la società di gestione del mercato, l’abusivismo commerciale, la raccolta differenziata, il welfare e le politiche sociali, disponibili, tuttavia, a dare il nostro contributo su altre necessità che la coalizione e il sindaco vorranno identificare».


Diritto di famiglia
09/01/2012 | 14.22.49
Redipaglia

La famiglia Garofalo è stata risarcita per i mancati incassi. Come si sa, sono precari...


MORALITA´ E SETE DI POLTRONE
09/01/2012 | 13.04.08
Marcello

E´ ormai evidente che nessuno si sottrae alla sete di poltrone, anche l´"eticissima" SEL si adegua e dota di paracadute il dimissionario "per obbligo" Galofaro.
VERGOGNA!!!


09/01/2012 | 9.32.55
PEPPE

LA CASTA. GENTE INUTILE E DANNOSA. A QUQLUNQUE LATITUDINE


Il gioco dei quattro cantoni
08/01/2012 | 0.12.11
menelik

Garofalo si è dimesso perchè era incompatibile e un minuto dopo gli hanno trovato il posto di ricambio: la casta non molla l´osso nemmeno se gli fanno un clistere alla nitroglicirina!