Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Mercoledì 7 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 16:29 - Lettori online 1552
VITTORIA - 01/11/2011
Politica - Botta e risposta fra progettista e consigliere

Differenziata, Lombardo risponde a Ferreri

Il capogruppo di Movimento territoriale: «Non siamo contro la differenziata. Rimaniamo in attesa della pubblicazione del bando»
Foto CorrierediRagusa.it

«Fabio Ferreri sa, perché era presente alla seduta, che l’uscita dall’aula dei consiglieri comunali del Movimento Territoriale è stata solo una protesta nei confronti dell’atteggiamento di aperta slealtà istituzionale tenuto dalla Giunta che aveva occultato all’intero Consiglio comunale, e all’opposizione in particolare, le difficoltà e l’impossibilità ad emanare il bando atteso il vuoto legislativo in materia attualmente esistente e le richieste formulate dall’amministrazione di Vittoria alla Regione per poter procedere all’emanazione del bando stesso».

Alle dichiarazioni del progettista del bando per la raccolta differenziata di Vittoria Fabio Ferreri, ha risposto Giovanni Lombardo, capogruppo del movimento in Consiglio (foto). «Alla richiesta dei consiglieri del Movimento- continua Lombardo- di rinviare la discussione di solo una settimana per capire la situazione e leggere gli atti, l’amministrazione unitamente alla propria maggioranza ha fatto il solito muro impedendo, così al Consiglio di conoscere tutti i suddetti atti adducendo che vi era la necessità di procedere in tempi brevissimi all’emanazione del bando che lo stesso Ferreri dichiarava essere già pronto. Sono passate già tre settimane e del bando fino ad ora non c’è traccia, evidentemente i nostri dubbi non erano infondati».

Il Movimento Democratico Territoriale- tiene a precisare Lombardo- «non ha mai manifestato alcuna contrarietà alla raccolta differenziata e le accuse di Ferreri appaiono evidentemente ingiustificate e strumentali rispetto ad una posizione politica che aveva solo l’intento di salvaguardare i più elementari diritti delle minoranze che vengono diuturnamente violati e calpestati da una maggioranza proterva e antidemocratica. Quanto al merito del capitolato, il dott. Ferreri ha avuto da me tutte le nostre osservazioni, perplessità e richieste per iscritto e non mi pare che i dubbi sul capitolato stesso, che abbiamo più volte espresso e manifestato, siano stati fugati dalle sue uscite giornalistiche. Rimaniamo in attesa della pubblicazione del bando».