Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Venerdì 9 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 23:37 - Lettori online 1194
VITTORIA - 16/10/2011
Politica - Conferenza stampa di Aiello, Lombardo, Cannizzo e Comisi

A Vittoria "Differenziata piena di ambiguità"

Dal trasporto a Motta Sant’Anastasia, al bando, al personale, al verde pubblico, tutti i dubbi dell’ex sindaco sull’atto approvato dal Consiglio comunale
Foto CorrierediRagusa.it

L’altra faccia della differenziata, quella del Movimento democratico territoriale di Francesco Aiello, di Carmelo Comisi (foto), di Giovanni Lombardo e di Giuseppe Cannizzo. Una conferenza stampa in via Bixio, in una stanza che di comunismo conserva solo una foto di Pio La Torre e un’altra di un giovane Berlinguer con i capelli al vento; una sede e che in passato ha ospitato 3 segretari comunisti che rappresentano lo splendore e il declino della «falce e martello»: Lugi Longo nel 1963, Enrico Berlinguer nel 1981, Achille Occhetto nel 1991, per spiegare la posizione del movimento. A chi ha ancora qualche dubbio, se Mdt è per la differenziata oppure no, i diretti interessati spiegano i motivi per cui non hanno discusso e votato l’atto la notte di martedì scorso.

«Il movimento- esordisce Carmelo Comisi- rimane favorevole alla differenziata e convinto sostenitore della sua urgenza». I motivi per cui il movimento è andato via prima della votazione dell’atto sono diversi e Comisi, Aiello e Lombardo provano a spiegarli. «Ci sono ambiguità presenti in numerosi articoli del «disciplinare tecnico prestazionale»- continua Comisi- dove vengono elencati gli oneri che dovrà sostenere l’impresa assegnataria e le spese che dovrà sostenere il Comune. Il trasporto si deve svolgere nel raggio di percorrenza di 70 chilometri; Motta Sant’Anastasia dista più di 70km, i costi aumentano. In questo contesto potremmo essere vittime del sistema di ecomafia».

«Abbiamo chiesto una sospensione per esaminare meglio l’atto- ha ribadito Giovanni Lombardo- dopo che è stato tenuto per 3 anni nel cassetto dell’amministrazione. L’Ato non può emanare il bando né gestire l’appalto. Esiste un progetto di legge che affida ai comuni tale gestione, che ancora non c’è. Riteniamo che il bando non potrà essere né emanato né pubblicato. La raccolta differenziata non partirà. L’altra sera hanno approvato solo un manifesto pubblicitario».

Molta attenzione è stata riservata ai dipendenti dell’Amiu. «Non c’è nulla nel capitolato che riguardi i dipendenti- afferma Lombardo- come avverrà il passaggio dei 56 dipendenti alla ditta aggiudicataria? Si aprirà un contenzioso. Dispiace che il Pdl si sia fatto interprete di una manovra consociativa rendendosi complice di fatti oscuri».

La parola «ecomafia» è l’apertura dell’intervento di Aiello. «Il trasporto a Motta Sant’Anastasia è stato intercettato da soggetti esterni come momento di affari. Nel capitolato non c’è nessun accenno alla plastica dismessa dalle campagne, non si parla del transito dei personale di ruolo e dei precari. Mi giunge notizia che chi ha fatto 2 turni transiterà, chi non ha lavorato resterà fuori. Nessuna menzione dei mezzi, e con me si svolgerà il rapporto di subappalto? E gli oneri di smaltimento? Questa amministrazione ha due facce: noi guardiamo quella dell’assessore Piero Gurrieri che insiste sulla trasparenza nelle assunzioni».