Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Giovedì 8 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 10:52 - Lettori online 735
VITTORIA - 19/06/2011
Politica - Il parlamentare regionale propone il Nuovo Polo quale soggetto guida

Corsa alla Provincia, Ragusa si autocandida. Crisi dichiarata

Il presidente della Provincia su tutte le furie. «E’ retorico e sognatore. Si ricordi che a Ragusa l’Udc sta col Pdl. Il mio partito apra la crisi alla Provincia»
Foto CorrierediRagusa.it

Si prospetta un’estate violenta (politicamente parlando) a viale del Fante. E’ iniziata la corsa all’accaparramento della poltrona ancora occupata da Franco Antoci. Con 11 mesi di anticipo. L’Udc apre la bottega dei due forni e cerca intese a destra e a manca in nome del «Nuovo Polo». A Ragusa s’allea e vince con Nello Dipasquale; a Vittoria s’allea e vince con Giuseppe Nicosia. L’Udc è portatore sano di successo e di fortuna, non conviene inimicarselo.

Orazio Ragusa fa le carte in anticipo. Cominciando dall’autocritica, dagli errori commessi in questi 5 anni, anche dagli amministratori che l’Udc ha indicato. Nessun nome degli attuali amministratori Udc o Pdl, ma chi sente d’avere il peccato addosso vada a confessarsi!

Alcune frasi del comunicato di Ragusa sono molto indicative: «Risorse umane qualificate, programmi innovativi e condivisi, nuove idee per il rilancio della provincia Iblea e riconoscimento degli errori commessi. Sono questi gli ingredienti necessari per lanciare il Nuovo Polo, con l´ambizione di diventare una forza politica in grado di guidare la Provincia di Ragusa verso un percorso di "nuovo" sviluppo».
Occorre apertura anche al mondo laico, proprio come ha detto il Papa. "Non penso a una forza politica chiusa a pochi rappresentanti dei vari partiti che, vestendo nuovi panni, ambiscano a mantenere poltrone. Immagino invece, con un pizzico di ottimismo, di coinvolgere chi, oggi deluso dalla politica, sente la voglia e il dovere di partecipare, da protagonista, alla vita politica".

E si pone alla guida del «Nuovo polo» con la saggezza e l’esperienza maturata in questi anni. «Abbiamo commesso troppi errori, come politici, accontentandoci di conseguire piccoli risultati, non dedicando sufficiente tempo a immaginare una nuova Provincia in grado di riappropriarsi del ruolo di guida per lo sviluppo dell´intero mezzogiorno d´Italia. Cominciamo proprio ammettendo i nostri errori, anche quelli commessi da alcuni amministratori che noi stessi abbiamo indicato». Un’autocandidatura alla presidenza della Provincia?

Non condivisa da Giovanni Occhipinti (nella foto con il deputato Nino Minardo), attuale presidente del Consiglio a viale del Fante. «L’onorevole Orazio Ragusa lancia il Nuovo Polo: serve chiarezza in tutti gli enti. Apriamo la crisi alla Provincia regionale di Ragusa. L’onorevole Ragusa immagina scenari futuri alla Provincia dimenticando il presente e dimenticando che a Ragusa il suo partito ha scelto di stare con il centrodestra. Adesso parla subito di nuovo polo immaginando un soggetto nuovo che lui stesso vuole guidare. Una nota piena di retorica e dove il sognatore Ragusa irrompe nella scena di oggi».

Occhipinti vuole subito aprire la crisi alla Provincia. «Invito il mio partito, il Pdl, ad aprire subito una fase di chiarezza in provincia coinvolgendo anche le amministrazioni dove il Popolo della Libertà governa con l’Udc. E mi riferisco alla Provincia e nei vari comuni iblei. Se l’idea dell’onorevole Orazio Ragusa è quella del Nuovo Polo allora bisogna subito aprire la crisi a viale del Fante e con la forza degli otto consiglieri del Pdl e degli altri che si riferiscono al centrodestra bisogna avere risposte dal presidente Franco Antoci».

Giovanni Occhipinti è uno di quelli su cui il partito vorrebbe puntare per la successione di Antoci. Dopo 10 anni di presidenza Udc, Nino Minardo e Innocenzo Leontini reclamano viale del Fante. «Forse Ragusa –conclude Occhipinti- si è fatto condizionare dal laboratorio politico che si vuole lanciare in Sicilia dimenticando che al comune capoluogo la sua Udc è voluta rimanere con il sindaco del Pdl. A questo punto serve chiarezza per tutti noi e per gli elettori che fin da adesso potranno immaginare gli scenari futuri. Chiedo quindi al leader del Pdl di aprire una fase di confronto con gli alleati di ora perché dalle parole di Orazio Ragusa non credo saranno gli alleati del futuro».


Basta somari!
21/06/2011 | 18.48.12
Greg

Io preferisco un presidente della Provincia che quando va in giro non mi faccia vergognare appena apre la bocca. Basta somari!C´è un limite anche all´incompetenza della politica.


Non penso trattasi di censura
21/06/2011 | 15.51.40
Pino

Ho scritto alcuni commenti è li ho visti tutti pubblicati non penso che li censurino, anche io dopo aver scritto il primo commento aspettavo con ansia di vederlo online ma niente, finchè no ho capito che dovevo controllare la posta e cliccare sul link che mi era arrivato via mail, dopodichè la pubblicazione fu istantanea.


Ci riprovo
21/06/2011 | 4.36.42
camelot

Ci riprovo.
Avanti tutta: che VERGOGNA!!!
Gli unici contenuti reali che essi intendono esprimere, quando prendono la parola, sono quelli relativi a tali lotte: attacchi ai gruppi di potere avversi, segnali ai propri alleati, richieste di fette maggiori della torta. Sono questi i contenuti reali del loro linguaggio.
Vorrei sapere quando andranno tutti a casa, Palazzo della Provincia compreso.



20/06/2011 | 17.05.44
camelot

Ci riprovo.
Avanti tutta: che VERGOGNA!!!
Gli unici contenuti reali che essi intendono esprimere, quando prendono la parola, sono quelli relativi a tali lotte: attacchi ai gruppi di potere avversi, segnali ai propri alleati, richieste di fette maggiori della torta. Sono questi i contenuti reali del loro linguaggio.
Vorrei sapere quando andranno tutti a casa, Palazzo della Provincia compreso.


CENSURA
20/06/2011 | 17.02.06
camelot

Censurato un mio precedente commento.
Siete sulla buona strada...