Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Sabato 3 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 16:41 - Lettori online 984
VITTORIA - 14/06/2011
Politica - Giovedì la proclamazione del sindaco, ma per il Consiglio passeranno giorni

Il giudice al lavoro per la distribuzione dei seggi. A chi andrà la maggioranza?

Pareri discordanti sui calcoli per l’assegnazione dei seggi. Ma per il sito elettorale della Regione siciliana la maggioranza va al centrosinistra, 18 seggi contro i 12 del centrodestra. Dal primo gennaio l’obbligo di una donna nella giunta Nicosia
Foto CorrierediRagusa.it

Appena avverrà la proclamazione del sindaco Giuseppe Nicosia dal parte del presidente dell’Ufficio centrale, il magistrato Michele Palazzolo, si procederà ad assegnare i seggi in Consiglio comunale. Un’aula vuota da riempire (nella foto). Ci sarà e a chi andrà il premio di maggioranza? Sull’interpretazione della legge regionale n. 6 del 5 aprile 2011, che ha complicato le cose, ci sono pareri discordanti.

L’unico dato certo è che non vorremmo trovarci nei panni del giudice Michele Palazzolo, presidente aggregato al primo seggio della sezione 1 della scuola Vittoria Colonna, in questo momento Ufficio centrale dove avvengono gli ulteriori e definitivi controlli prima della proclamazione del sindaco e del Consiglio comunale. E neanche vorremmo trovarci nei panni di Gaetano Santoro, ispicese, presidente della prima sezione, costretto a verificare gli «orrori» di tanti presidenti «dilettanti allo sbaraglio», nominati dalla Corte d’Appello. Tutti rigorosamente locali, perché con il taglio della spesa pubblica i presidenti di vecchia esperienza, che chiudevano lo spoglio in poche ore e non si facevano sottomettere dai rappresentanti di lista, si guardano bene dall’andare in trasferta per guadagnare la misera somma di 150 euro, un’elemosina rispetto alle grandi responsabilità che si deve prendere.

Sebbene i calcoli aritmetici sembrano fatti, le due teorie sull’attribuzione dei seggi esistono ancora. Perché alla fine dovrà essere il giudice del Tribunale Michele Palazzolo ad assumersi la responsabilità dell’assegnazione del premio di maggioranza. Secondo i dati pubblicati sul sito della Regione siciliana, la nuova geografia dell’assise vittoriese per il quinquennio 2011/2016 è la seguente. Alla coalizione di Giuseppe Nicosia, formata dalle liste Pd (8 seggi), I Democratici (4) Sinistra Unita con Vendola (3), Incontriamoci (3), andranno 18 seggi. Sulla base di questa ripartizione e salvo sorpassi a conclusione dei riconteggi, avremo i seguenti eletti: Pd: Salvatore Avola, Gianni Caruano, Giulio Branchetti, Salvatore Di Falco, Giombattista Faviana, Saro Dezio, Luciano D’Amico, Giuseppe Incorvaia. Incontriamoci: Gino Puccia, Concetta Fiore, Santo Cirica. I Democratici: Elio Cugnata, Giuseppe Scuderi, Alfonso La Marmora, Paolo Sbezzo. Sinistra Unita con Vendola: Mariella Garofalo, Giuseppe Mustile, Enzo Cilia.

Alla coalizione di Carmelo Incardona spetterebbero 12 seggi. Pdl (3), Forza del Sud (2), Un nuovo inizio (2) Aiello sindaco (5). Questi i probabili consiglieri. Pdl: Giovanni Moscato, Andrea Nicosia, Fabrizio Comisi. FdS: Andrea La Rosa, Salvatore Artini. Un nuovo inizio: Salvatore Sansone, Daniele Barrano. Aiello sindaco: Giacomo Romano, Francesco Aiello, Giuseppe Cannizzo, Giovanni Lombardo, Gaetano Carbonaro. Questo il Consiglio dato dal sito della Regione Sicilia. A Vittoria dovrà pronunciarsi il giudice Michele Palazzolo.

Con l’entrata in vigore della seconda parte della legge regionale 6 del 5 aprile 2011 (la stessa che stabilisce la ripartizione dei seggi), a partire dal 1 gennaio 2012, il sindaco Nicosia dovrà obbligatoriamente fare entrare una donna in giunta, per effetto delle quote rosa. Non anticipiamo nulla per non creare panico fra i 6 assessori che devono ancora giurare, ma è bene che uno di loro si tenga pronto per compiere un gesto di cavalleria nei confronti di un assessore donna.