Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Sabato 10 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 10:51 - Lettori online 1063
VITTORIA - 06/06/2011
Politica - Maretta anche nella coalizione del candidato di centrodestra

Prima grana per Incardona. Comisi, in dubbio dopo accordo con Aiello

Voci insistenti danno per certa la notizia del «rifiuto» dell’assessore espressione dell’area Leontini. Comisi è stato assente alla presentazione degli assessori, sia a Vittoria che a Scoglitti. Momenti di tensione sabato sera durante il comizio di Aiello tra Fabio Nicosia e Arcangelo Pisani, sostenitore della lista Aiello
Foto CorrierediRagusa.it

Maretta anche nella coalizione Incardona-Aiello. E‘ nato un «giallo» Comisi? Fabrizio Comisi (nella foto alla convention di Incardona), assessore designato in prima battuta dal candidato a sindaco Carmelo Incardona, avrebbe ritirato la sua disponibilità a far parte della giunta a una settimana dal ballottaggio. Non avrebbe gradito l’apparentamento fra Incardona e Francesco Aiello. Presso la sede del Pdl a Vittoria è in corso una riunione della componente di Nino Minardo per fare l´analisi del voto e discutere di questa ultima tegola della rinuncia di Comisi all´assessorato.

La notizia comincia a circolare nella tarda serata di domenica, ma Comisi non risponde alla telefonata che chiede conferma o smentita. E neanche Innocenzo Leontini, leader della «latata» (neologismo coniato da Gianfranco Micciché durante la sua visita a Vittoria sabato pomeriggio) che si contrappone a Nino Minardo, ha risposto al cellulare sebbene chiamato più volte.

Il silenzio degli interessati, sommato all’assenza fisica di Fabrizio Comisi durante la presentazione ufficiale degli assessori sabato pomeriggio e domenica mattina a Scoglitti, giustificata da «impegni di lavoro», fa pensare che qualcosa di vero ci sia. In questa settimana che precede il ballottaggio di domenica prossima, anche Carmelo Incardona, così come Giuseppe Nicosia dall’altra parte (caso Malignaggi-Idv), deve fare i conti con una componente che punta i piedi davanti agli "innesti" ritenuti innaturali.


Incardona denuncia tentativo di aggressione verbale durante il comizio di Aiello

Intanto, a comprova del clima che già si vive a Vittoria a 6 giorni dal voto, alcuni episodi di intolleranza e di nervosismo fra le componenti in campo. Come quello che denuncia il candidato Carmelo Incardona nei confronti di Fabio Nicosia, fratello dell’attuale sindaco. «Stigmatizzo –scrive Incardona- l’aggressione da parte del consigliere provinciale del Pd, Fabio Nicosia ai danni del professore Arcangelo Pisani, sostenitore della lista Aiello, al termine del pubblico comizio tenuto in piazza del Popolo sabato sera dal candidato sindaco Francesco Aiello».

Secondo la versione di Incardona, Fabio Nicosia si sarebbe avvicinato sotto il podio dove l’ex sindaco aveva tenuto il comizio e avrebbe cercato di aggredire verbalmente, fino a colpire con una gomitata Pisani. «E’ un inqualificabile atto di aggressione –continua Incardona- che fa capire la reale natura dei fratelli Nicosia. Il consenso non si impone con la forza, con i ricatti. Se lo mettano bene in testa, quanto accaduto sabato sera in piazza, quando la folla ha manifestato il proprio dissenso al sindaco uscente e a suoi uomini, è un chiaro segnale».


La versione dei fatti secondo Giuseppe Nicosia

"La scorta di Crocetta ci ha salvati da un´aggressione"


"Hanno tentato di impedire a Crocetta di parlare, usando metodi violenti – dichiara Nicosia – e palesando veri e propri rigurgiti fascisti. Questi messaggi nei confronti di un eroe dell’antimafia come Crocetta suonano come pressioni violente. E vanno unite, purtroppo, alle minacce e agli insulti indirizzati al sottoscritto, ai miei familiari e ai simpatizzanti. Mio fratello Fabio è stato strattonato e insultato. Per fortuna, grazie all’intervento della scorta assegnata a Crocetta, è stata scongiurata una vera aggressione fisica".