Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Martedì 6 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 18:26 - Lettori online 821
VITTORIA - 04/06/2011
Politica - Prima delle 14 le delegazioni hanno siglato gli accordi davanti al segretario generale

Ufficiale l´alleanza Incardona-Aiello. Nicosia con l´Udc

Presentate le squadre assessoriali complete. Nicosia aggiunge ai primi 3 Garofalo, Lo Monaco, Mario Mascolino. Incardona presenta Franca Campanella, Nino Nicosia e Nello Dieli
Foto CorrierediRagusa.it

I 2 candidati sindaci che si sfideranno al ballottaggio domenica 12 e lunedì 13 hanno siglato gli apparentamenti ufficialmente davanti al segretario generale Paolo Reitano.

Le sorprese ci sono. All’accoppiamento Incardona-Aiello, il sindaco uscente risponde e s´apparenta con l’Udc di Salvo Barrano. Gli altri candidati che non hanno raggiunto il quorum si sono pure apparentati, tranne Pasquale Ferrara che lascia liberi i suoi elettori. Proprio come Mpa, un partico dilaniato da polemiche perché i dirigenti attuali hanno le ore contate. Si pensa di dare spazio a un giovane che ha ottenuto quasi 250 voti, rispetto ai veterano che vantano tanta esperienza politica: Toti Miccoli. Fra poco il partito avrà nuovi commissari, a Ragusa e a Vittoria. Miccoli è fra i papabili.

Rivediamo la composizione delle squadre assessoriali. Giuseppe Nicosia ai 3 che aveva già annunciato: Piero Gurrieri, Luigi D’Amato e Giuseppe Malignaggi, ha aggiunto Salvatore Garofalo (Sinistra unita), Rosario Lo Monaco (Udc) Mario Mascolino (Polo Civico).

Carmelo Incardona, ha riconfermato Valeria Sansone, Giovanni Moscato e Fabrizio Comisi ed ha aggiunto Nello Dieli (Vittoria che cambia), Nino Nicosia (Forza del Sud) e Franca Campanella, direttore didattico.

Nella foto in alto gli apparentati Giuseppe Nicosia, Salvatore Garofalo (centrosinistra); Carmelo Incardona e Francesco Aiello (centrodestra)

Mimì Arezzo ed Enzo Oliva sconfessano Coniglione: «Dopo il congresso tutti a casa»

Ai terremoti interni l’Mpa è abituato. Ma ne avrà ancora per poco, perché dopo il 25 giugno, data del congresso che dovrà far nascere il nuovo partito del Sud di Raffaele Lombardo, della vecchia classe dirigente vittoriese resterà ben poco. Mimì Arezzo ha la nausea per tutto quello che è successo nel partito in questi ultimi anni. Lui, cagionevole di salute, grande amico personale di Raffaele Lombardo (nella foto al centro tra Francesco Aiello, Giovanni Angelieri e Giuseppe Piccione), deve ancora sopportare tanto? Non ha mai gradito l´alleanza con Aiello alla vigilia del primo turno e prima che lasci la politica definitivamente sconfessa in malo modo Daniele Coniglione. «Non risulta rispondente al vero che il presidente Lombardo avrebbe ridato ampia fiducia all´attuale dirigenza Mpa di Vittoria».

E anticipa che dopo il congresso del 25 giugno l´attuale classe dirigente dovrà andare tutta a casa. «D´accordo col presidente Lombardo, confermo che subito dopo il congresso, nel corso del quale verranno presentate le linee programmatiche di un nuovo Partito del Sud, verranno organizzati in provincia importanti incontri, nel corso dei quali verrà democraticamente rinnovata l´intera classe dirigente, provinciale e comunale, del nostro Movimento».

E anche il deputato Enzo Oliva prende le distanze dall’apparentamento tecnico fra Aiello e Incardona. «Qualunque
apparentamento tecnico l´onorevole Aiello abbia fatto con il
candidato a sindaco Incardona – dice Oliva- non coinvolge né politicamente,
né tecnicamente e né elettoralmente il Movimento per le
Autonomie che lascia liberi di scegliere i suoi elettori di
Vittoria. Qualunque dirigente locale - aggiunge Oliva - abbia assunto posizioni diverse si ritenga fuori dal Movimento».