Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Domenica 4 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 16:41 - Lettori online 508
VITTORIA - 16/05/2011
Politica - Alta tensione per un caso di abusivismo edilizio a due settimane dal voto

Aiello denuncia: «E’ abusivo il 4° piano di casa Malignaggi»

La replica dell’assessore. «E’ di mia sorella e lui sapeva, ma ha voluto colpire lo stesso in campagna elettorale perché sto con Nicosia. Non mi dimetto»
Foto CorrierediRagusa.it

Siluro di Francesco Aiello contro Giuseppe Malignaggi (nella foto)a due settimane dal voto. Il candidato ha presentato una interrogazione al sindaco Nicoisa e all’assessore all’Urbanistica per avere chiarimenti su un piano abusivo in piazza Italia che sarebbe di proprietà dell’assessore Malignaggi.

«Per sapere- scrive Aiello- se risponde a verità la notizia secondo la quale la casa dell’assessore alla Legalità, Giuseppe Malignaggi, sita in piazza Italia, è stata dotata di un quarto piano che risulterebbe abusivo. Vorremmo sapere, ove la notizia corrispondesse a verità, se lo stesso non intenda immediatamente dimettersi per una evidente contraddizione tra il dire e il fare, essendo egli il rappresentante di un partito che si batte realmente per il rispetto della legalità».

Immediata la risposta-chiarimento dell’assessore Malignaggi. «Il piano che risulta abusivo non è il mio ma di mia sorella. Io sono proprietario del primo piano, lei del secondo e del terzo. E’ stata fatta con leggerezza una tettoria per evitare infiltrazioni di acqua. Mi sorprende l’attacco scorretto di Aiello il quale, sebbene avesse avuto chiarimenti riguardo alla proprietà del piano, abbia voluto ugualmente colpire me e il sindaco Giuseppe Nicosia in campagna elettorale».

In merito alla richiesta di dimissioni, Malignaggi risponde. «Non ci penso nemmeno, è un caso che non riguarda me, io ho sempre agito nella legalità e Aiello quando eravamo amici me lo riconosceva. Ora sto con Nicosia e mi deve abbattere. Continuerò ad impegnarmi nella politica per la mia città».