Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Giovedì 8 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 22:43 - Lettori online 522
VITTORIA - 30/04/2011
Politica - Vittoria: scema l’interesse consiliare, cresce quello elettorale

Consiglio boccia conti, Barrano nega accordi con Aiello

Fabio Prelati (Idv), duro con l’opposizione: «Cose che accadono solo a Vittoria». Barrano ad Azione democratica: "Gli accordi li avevamo chiesti due anni fa, oggi il tempo è scaduto"
Foto CorrierediRagusa.it

Il Consiglio comunale non ha più voglia di lavorare. Bocciato all’amministrazione il conto consuntivo. Non è passato all’esame del civico consesso. «Un grave atto di irresponsabilità da parte dell’opposizione»- taglia corto Giuseppe Nicosia. Anche Fabio Prelati (foto), capogruppo Idv non è tenero nei confronti dei consiglieri presenti all’atto della votazione. «Cose che possono accadere solo a Vittoria! Un bilancio consuntivo, quello presentato dall´Amministrazione Comunale, che si presenta in attivo, che mantiene il Patto di stabilità, che presenta risparmi in settori strategici della pubblica amministrazione e che viene bocciato dall´opposizione! Appaiono sconcertanti le motivazioni addotte dai dodici consiglieri, vale a dire che è una bocciatura politica e non tecnica! E certo, potevano mai bocciare un consuntivo che dimostra il virtuosismo dell´Amministrazione in carica se non ricorrendo ad una giustificazione di tipo politico?».

Giuseppe Nicosia usa toni da campagna elettorale per stigmatizzare quanto successo in aula. «La peggiore opposizione di tutti i tempi chiude indecorosamente gli ultimi atti del consiglio bocciando illegittimamente un conto consuntivo che presentava risparmi per l’ente e vantaggi per la città e impedendo di fatto l’utilizzo delle somme risparmiate dalla giunta municipale per la realizzazione di opere a servizio della città. E per di più, motiva il suo no con l’avversione politica nei confronti dell’amministrazione comunale. La mancata approvazione di un conto consuntivo virtuoso, che anziché presentare disavanzi presentava crediti, è un atto di irresponsabilità e di ignominia che macchia quella pattuglia di consiglieri di opposizione che tutto fa tranne che gli interessi della città. Colgo l’occasione per esprimere la mia solidarietà all’assessore Caruano e al presidente D’Amato, che sono stati accolti in aula da ingiurie e da comportamenti di inaudita inciviltà».

Dall’altra parte anche il Sel ha dato il volto ai propri candidati con la presentazione di Salvatore Garofalo e della sua lista. Lo farà anche Salvo Barranno, candidato dell’Udc di Vittoria. Che per l’occasione approfitta per fugare alcune voci. «Smentisco che vi siano trattative con il candidato Francesco Aiello. Un incontro che non cerchiamo e che non vogliamo. Udc, per chi ha buona memoria ha cercato gli incontri programmatici già due anni fa, in tempi non sospetti. Abbiamo parlato a sordi, nessuno ha accolto le nostre richieste sui programmi non sui posti da gestire. Adesso siamo già partiti, il nostro treno è in corso e non si ferma per fare salire nessuno. Il tempo degli accordi elettorali è fallito. Questo lo volevo dire senza alcuna polemica, giusto per fare chiarezza sulle cose che sono state dette e scritte».