Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Domenica 4 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 16:41 - Lettori online 369
VITTORIA - 21/04/2011
Politica - Vittoria: la politica «rosa» del Partito democratico

Le donne Pd, c’è anche "Miss Sicilia" Roberta Mezzasalma

Dopo tanti anni in Piemonte, ritorna nella sua città natale e si racconta. Ex tenente dell’esercito, poi diventata donna, sposata, divorziata, miss Sicilia, pronta per l’esperienza politica
Foto CorrierediRagusa.it

Il Partito democratico al femminile. Sono 36 le donne che si cimentano in politica nelle liste di Giuseppe Nicosia: chi per la prima volta, chi perché ci ha preso gusto dopo essere stata eletta 5 anni. Le donne del Pd sono state presentate dal sindaco Giuseppe Nicosia che le ha inserite nelle liste che lo sostengono: Pd, Insieme, Giovani democratici, Incontriamoci, Progetto Vittoria, Polo civico città nuova Vittoria, Idv-Verdi, Insieme per la Sicilia. Veterana fra tutte, Concetta Fiore, lunga militanza politica, candidata per il Polo civico.

Ma la novità è Roberta Mezzasalma (nella foto a sinistra accanto a Rosa Perupato), coraggiosa e desiderosa di raccontarsi e di impegnarsi in politica. Prima di sesso maschile, tenente dell’esercito, poi donna sposata e divorziata. Adesso single e impiegata presso un’azienda privata a Vittoria. «Dopo tanti anni vissuti in Piemonte-ha detto Roberta Mezzasalma- sono stata catturata dalla mia città. Mi voglio impegnare per cambiarla in meglio, al servizio degli altri. Ho affrontato nella vita scelte difficili, ma ci sono riuscita grazie al sostegno e alla solidarietà della famiglia, ritengo di potere affrontare anche questo impegno politico».

L’esercito delle donne del Pd è ben rappresentato. Ci sono le infermiere, le impiegate, le casalinghe, le insegnanti, la sociologa Maria Pina Frasca, già consigliere di quartiere, l’ex presidente della Fidapa Anna Maria Zagara, l’insegnate Rosa Perupato. In tutte emerge la voglia di fare politica accanto agli uomini, non per superarli ma per lavorare in sinergia. «Disprezzo il termine «quote rose» – ha detto Concetta Fiore- dobbiamo ottenere quel che ci spetta per meriti e non per quote stabilite da norme e leggi».

Dopo la presentazione si sono registrati diversi interventi delle candidate che hanno reso noto il perché dell’impegno in politica e il perché accanto al sindaco uscente Nicosia. «La lista delle candidate non è chiusa - ha detto il sindaco - sono già 36 e spero di aumentarla con qualche altra presenza».