Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Domenica 11 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 23:05 - Lettori online 713
VITTORIA - 03/01/2008
Politica - Vittoria - Il nuovo gruppo politico muove i primi passi

Prima riunione del Pd:
Aiello escluso

Non è stato invitato dal sindaco Giuseppe Nicosia Foto Corrierediragusa.it

Si è svolta al Comune di Vittoria la prima riunione interlocutoria del gruppo Pd da poco costituitosi. C’erano tutti tranne Francesco Aiello. Non è stato invitato dal sindaco Giuseppe Nicosia (nella foto).

"Ho invitato ?ha voluto precisare il sindaco- solo i consiglieri comunali che hanno firmato l’atto di adesione sul documento intestato Pd. Non mi risulta che egli abbia sottoscritto il documento come gli altri. Le adesioni non si fanno con dichiarazioni ai giornali ma seguendo le regole".

E’ probabile che Aiello dichiari la sua appartenenza al Pd ufficialmente alla prossima seduta del Consiglio comunale direttamente al presidente Luigi D’Amato. "E’ stata una riunione organizzata per amalgamare i rapporti fra il gruppo Pd e l’amministrazione comunale". Così il sindaco Giuseppe Nicosia ha definito l’incontro al quale hanno partecipato gli 8 consiglieri comunali del Pd, i consiglieri di quartiere, i presidenti di Emaia, Sogevi e Amiu, i costituenti regionali e nazionali.

"Noi andiamo avanti ugualmente- ripete il sindaco- cominciando a confrontarci con 3 consiglieri comunali che fino all’anno scorso erano minoranza: Piero Gurrieri, Giuseppe Fiorellini e Gaetano Carbonaro. Con loro, con gli altri e con tutti i dirigenti a vario titolo dobbiamo avviare la «Cosa 2». Subito dopo allargheremo l’incontro anche ai partiti della maggioranza, Idv e Mpa, e poi faremo partire il dialogo con l’Arcobaleno e i socialisti".

Sull’avvio della «Cosa 2» è intervento di Enzo Cilia di Sinistra-Arcobaleno. "Non ci sottrarremo al confronto e proprio per questo dobbiamo stare ai contenuti e alla concretezza di incidere sulle politiche portate avanti fino ad oggi, a partire dai punti programmatici che come «Sinistra-Arcobaleno» abbiamo costruito in questi mesi: una nuova politica per il rilancio dell’agricoltura, la puntualizzazione delle posizioni politiche relative alla questione legalità e trasparenza, all´applicazione e all´aggiornamento dello statuto comunale, alla lotta alla mafia e alla criminalità, all’ambiente e alla gestione del territorio, al recupero delle periferie, allo sviluppo dei servizi sociali, alla cultura e alla rinascita del centro storico e così via fino al ripristino di una cultura istituzionale e di governo che non può consentire l´uso personale e a fini privati delle istituzioni che, a volte, sembra lo sfondo in cui opera l´amministrazione comunale anche per allargare il proprio consenso".