Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Giovedì 8 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 15:45 - Lettori online 924
VITTORIA - 09/01/2011
Politica - Vittoria: si attende la candidatura della sinistra vittoriese

Salvatore Garofalo rassicura: "Ufficializzerò la candidatura"

Il terzo polo stoppa il tentativo di fuga solitaria dell’Udc e Barrano rinvia la conferenza stampa per la sua candidatura
Foto CorrierediRagusa.it

All’appello dei probabili candidati per le elezioni di giugno manca solo la sinistra. Salvatore Garofalo (nella foto) è silente da un po’ di tempo tanto da preoccupare alcuni suoi sostenitori. Che fine ha fatto la sua candidatura? Peppe Cannella è uno che la sostiene, anche se non è più disposto ad attendere altro tempo. Questo è il momento dell’annuncio, per evitare di giungere all’ultimo momento impreparati e col fiatone. Il diretto interessato tranquillizza tutti.

«Sto arrivando, entro la prossima settimana proporrò la mia candidatura, sostenuta da una o due liste civiche e appoggiata dai partiti e dagli amici di sempre Enzo Cilia, Giuseppe Mustile, Peppe Cannella e tanti altri». Altri nomi, rispetto a quelli che fanno politica attiva, per ora Garofalo non vuole fare. Una delle due liste è sostenuta da Salvatore Guastella, attuale dirigente provinciale della categoria dei commercianti. «Non ha senso, aspettiamo di trovare gli accordi giusti e poi ci dichiariamo- dice Garofalo- Sì, sono sostenuto da lisce civiche e dai partiti della sinistra. Liste aperte a tutti, che non hanno steccati ideologici, che ospitano anche soggetti di sinistra, di centro e di destra, gente che vuole cambiare la città e avviare un nuovo modo di intendere la politica».

Salvatore Garofalo è stato sindaco di Vittoria quand’era ancora trentenne. C’erano il Pci e il Psi alla guida del governo locale e la Dc e il Msi all’opposizione. Le battaglie politiche si conducevano sul manicheismo ideologico, oggi c’è un trasversalismo di idee e di programmi che disorienta anche i più esperti dell’arte politica. Cos’ha di diverso la candidatura Garofalo dalle altre? «Tutto- conferma il candidato- Siamo la lista dell’alternativa ai soliti noti, ai professionisti della politica: Giuseppe Nicosia, Carmelo Incardona e Francesco Aiello, che avrebbe fatto bene a mettersi da parte anziché riproporsi per uno spirito di rivincita nei confronti dell’attuale sindaco».

Al 99% il candidato della sinistra è Garofalo, ma non è mai detta l’ultima parola. «Nei primi giorni della prossima settimana avremo gli ultimi passaggi, non ci dovrebbero essere novità a meno che non si proponga qualcuno in grado di aggregare il più possibile quelli che vogliono cambiare il vecchio modo di amministrare».

E in tema di annunci e candidature, dobbiamo registrare il rallentamento dell’Udc. La conferenza stampa che doveva presentare alla città il candidato dell’Udc Salvo Barrano è stata differita a non prima di mercoledì o giovedì. E’ saltata? «No- dice Barrano- forse lei ha avuto troppa fretta. Dobbiamo consumare alcuni passaggi con gli alleati del Terzo polo. E’ volontà della deputazione reincontrarci per verificare meglio alcuni adempimenti. Ritengo che a metà della settimana potremmo chiudere definitivamente la posizione dell’Udc e del terzo polo».