Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Giovedì 17 Gennaio 2019 - Aggiornato alle 23:10
SCICLI - 17/11/2018
Politica - L’opposizione si è astenuta per "il bene della città"

Rendiconto 2017 approvato a Scicli dalla maggioranza in consiglio

Per il sindaco Giannone "Raggiunto un obiettivo non più differibile". Soddisfatto assessore Vindigni Foto Corrierediragusa.it

Il consuntivo 2017 passa con i voti della maggioranza e l’astensione dell’opposizione. Otto i voti a favore del documento contabile che salva l’ente dal commissariamento. Ad astenersi nella votazione, con il decisivo abbandono dell’aula di Bruno Mirabella, sono stati Enzo Giannone, Marianna Buscema, Concetta Morana, Claudio Caruso, Rita Trovato. L’opposizione ha sottolineato in un documento il senso di responsabilità e il supremo interesse per la città in occasione della votazione dell’atto. Soddisfatto l’assessore al Bilancio, Giorgio Vindigni che ha rilevato come il rendiconto è il primo vero atto nella gestione finanziaria dell’ente attribuibile in tutto all’amministrazione. Per l’assessore è il primo passo verso il risanamento dell’ente.

Dice Giorgio Vindigni: «Continueremo su questa direzione che è senza alternative in quanto obbligata. Farà fede il bilancio pluriennale 2018/2020 che presto approderà in consiglio comunale con la logica del mantenimento degli equilibri dei conti, con il rispetto delle norme finanziarie e quindi con la necessità, come ormai da prassi consolidata, di muoversi all’interno del piano di riequilibrio finanziario pluriennale. Questi sono gli elementi di riferimento con i quali fare i conti evitando scorciatoie o inutili giochi di prestigio. Ci si rende conto delle rinunce alle quali siamo andati ed andremo incontro perché questa è la scelta che ci impone il contenimento della spesa nell’esigenza di dover garantire i servizi essenziali alla città. Prima metteremo ordine ai numeri e prima saremo posti nelle condizioni di liberare quelle risorse utili per migliorare sempre di più la qualità della vita della collettività».