Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Giovedì 17 Gennaio 2019 - Aggiornato alle 23:10
SCICLI - 14/11/2018
Politica - In aula delusione per gli operatori del settore ed i concessionari di box

Scicli: regolamento mercato ortofrutticolo bocciato

Votazione in parità con 7 voti per parte, opposizioni compatte Foto Corrierediragusa.it

I voti della maggioranza non bastano ed il nuovo regolamento per la gestione del mercato ortofrutticolo di contrada Spinello viene bocciato. Sette voti per parte ma ci sarebbe voluta la maggioranza e l’amministrazione ha dovuto incassare il colpo. Soprattutto gli operatori e i concessionari di box presenti in aula che contavano sull’adozione di un atto da anni atteso visto che quello in vigore è ormai superato dai fatti ed ha contribuito ad accrescere la crisi del mercato. Ai voti della maggioranza hanno risposto i sette consiglieri dell’opposizione (Forza Italia, Cinque Stelle, Scicli Bene Comune, Pd, e delle consigliere Buscema e Trovato) che non ha votato il nuovo Regolamento. La seduta è stata lunga e caratterizzata da un dibattito anche acceso.

Duro il commento dell’assessore allo Sviluppo economico Viviana Pitrolo che ha seguito l’iter dell’atto: «Purtroppo, per mera strumentalizzazione, tesa a misurare in uno stupido braccio di ferro la forza politica, non è stato varato uno strumento che serve all’economia della città, e al comparto agricolo in crisi. Ci chiediamo cosa sia importante per questi rappresentanti dei cittadini: dare risposte a reali esigenze della comunità, o misurare la forza dei numeri in un inutile muro contro muro. Sorprende l’atteggiamento del consigliere Bruno Mirabella, che ha rimangiato tutto quanto detto e fatto in commissione consiliare». Il sindaco Enzo Giannone è stato lapidario: «Chiedo scusa agli operatori economici che in questi mesi hanno concertato il nuovo regolamento con l’amministrazione».