Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Giovedì 17 Gennaio 2019 - Aggiornato alle 23:10
SCICLI - 12/10/2018
Politica - Il documento passerà ora ai revisori, poi in commissione e quindi al Consiglio comunale

Giunta Scicli approva il bilancio: spazi di manovra obbligati

Per l’assessore Vindigni ci sarà "rigore e attenzione alla questione economica dell’ente" Foto Corrierediragusa.it

Un bilancio «obbligato» dal piano di riequilibrio finanziario. Non ci sono grandi spazi per le spese nel Bilancio 2018-20 che la giunta Giannone ha approvato. Il Documento Unico di Programmazione 2018/2020 (D.U.P.) e lo schema di bilancio di previsione dell’esercizio finanziario 2018/2020 passerà ora inviato al collegio dei revisori dei conti e alla commissione consiliare permanente al Bilancio per i necessari pareri. Sarà il consiglio comunale successivamente a dibatterlo ed approvarlo.

«Con l’approvazione del documento finanziario di programmazione economica per l’anno in corso -dice l’assessore Giorgio Vindigni (foto)- abbiamo iniziato un percorso che da qui in avanti, in uno con il conto consuntivo 2017, affronterà con il rigore e l’attenzione dovuta la questione economica dell’ente. Ci muoviamo in un ambito obbligato e perimetrato, secondo le indicazioni già date nel piano di riequilibrio finanziario pluriennale, che ha l’obiettivo esclusivo di contenere le uscite e quindi assolvere agli obblighi derivanti da spese incomprimibili utili e necessarie per garantire i servizi essenziali alla comunità. Non c’è spazio per le uscite discrezionali. Sin dall’inizio della legislatura la giunta si è posta come prioritaria il raggiungimento di un traguardo che è quello di mettere ordine ai conti dell’ente e speriamo di farlo nel più breve tempo possibile e con l’aiuto di quanti, al di là delle posizioni, hanno a cuore il futuro della città.»