Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Domenica 22 Ottobre 2017 - Aggiornato alle 21:38 - Lettori online 508
SCICLI - 01/03/2017
Politica - Firmato a Palermo dal sindaco Enzo Giannone e dai funzionari dell’assessorato regionale ai Lavori Pubblici

Scicli, operativo il piano di riqualificazione di Jungi

Per l’edilizia previsti 26 alloggi sociali, 25 alloggi di edilizia a libero mercato e locali commerciali Foto Corrierediragusa.it

E’ stato firmato il piano di riqualificazione del quartiere Jungi. Si tratta di un investimento di 13.7 milioni di euro che serviranno a dare un nuovo volto ad uno dei quartieri più antichi della città. Il sindaco Enzo Giannone ha firmato l’atto presso l’assessorato regionale ai lavori pubblici a Palermo. Le ditte proponenti avranno sei mesi di tempo per dare il via ai lavori. Le somme destinate al piano sono così suddivise:2,2 milioni di euro di contributo statale per la costruzione di alloggi; 1,1 milioni di euro sono, invece, un contributo regionale e serviranno per le opere di urbanizzazione; poi ci sono 280 mila euro come contributo comunale di cui le ditte proponenti si faranno carico in sede di realizzazione e, infine, 7,7 milioni di euro come contributo privato».

Gli interventi di edilizia riguarderanno la realizzazione di 26 alloggi sociali, 25 alloggi di edilizia a libero mercato e locali commerciali in un terreno tra viale dei Fiori e via Tiepolo che, come conseguenziale opera di urbanizzazione, contempla la sistemazione dell’area sportiva esterna del campo sportivo Ciccio Scapellato, l’ampliamento della farmacia comunale e la sistemazione dell’area a verde di via Ciliegio che diventerà un piccolo polmone verde per l’intera area. Infine anche un intervento di riqualificazione di via Tiepolo e via Ferraris. Il piano di riqualificazione di Jungi risale nella sua prima redazione al 2010 ed ha visto molti passaggi burocratici e tecnici prima di arrivare alla sua definizione.