Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Martedì 12 Dicembre 2017 - Aggiornato alle 14:53 - Lettori online 876
SCICLI - 26/11/2016
Politica - Le amministrative per l’elezione del sindaco e del consiglio comunale

Scicli, seggi chiusi: hanno votato 14 mila 100 aventi diritto, pari al 64,25%. Meno 8% rispetto al 2012 (ma si votò anche di lunedì)

Cinque candidati sindaco. Astensionismo non dilagante, ma comunque importante Foto Corrierediragusa.it

Si è tornati a votare a Scicli dopo 18 mesi di commissariamento del comune e le traumatiche dimissioni dell’allora sindaco Franco Susino. I dati definitivi alla chiusura dei seggi, alle 23, riferiscono che il numero dei votanti è stato di 7 mila e 20 maschi e 7 mila 80 femmine per un totale di 14 mila 100 aventi diritto, pari ad una percentuale del 64,25%. Nel 2012, alla chiusura delle urne (ma si votò allora anche di lunedì, fino alle 15) la percentuale definitiva fu del 72,29. L´astensionismo, seppure non eccessivo, c´è quindi stato anche in questa importante tornata elettorale.

RILEVAZIONE VOTANTI ORE 19
Hanno votato 11 mila 829 aventi diritto con una percentuale del 53,90%


RILEVAZIONE VOTANTI ORE 12
Hanno votato 3 mila 627 aventi diritto con una percentuale del 16,53%


I primi dati reali si potranno conoscere solo a tarda notte e il quadro sarà completo nella tarda mattinata di lunedì. Le previsioni parlavano di un tasso di votanti vicino a 13 mila a causa dell’astensionismo calcolato attorno al 30 per cento, visto che in questi ultimi anni è andato sempre a crescere. Rispetto ai dati definitivi le previsioni si sono discostate di poco più di mille 100 unità. Scicli ha quini dato un segnale abbastanza evidente di voglia di cambiamento, dopo le ben note e travagliate vicissitudini.

Due le novità sostanziali di questa tornata elettorale. In primis quella tecnica, perché Scicli è la prima città siciliana a votare con la nuova legge elettorale che prevede un ridimensionamento del numero dei consiglieri da eleggere, solo 4 assessori, e la soglia del 40 per cento per evitare l’eventuale ballottaggio previsto per l’11 dicembre. Quest´ultima norma è quella introdotta nella versione finale della legge votata dall´Ars e rappresenta l´autentica novità del voto. Sarà inoltre possibile votare 2 candidati, della stessa lista, purché un candidato maschio e un candidato donna.

Tutto ciò per garantire la parità di accesso a uomini e donne alle cariche elettive. Il dato politico invece riguarda le candidature a sindaco. Saranno tre donne e due uomini a contendersi la poltrona di primo cittadino. E’ un’autentica novità visto che nel passato non c’erano mai state candidature a sindaco «rosa». La campagna che si è chiusa venerdì sera in piazza Busacca è stata all’insegna della correttezza, pur con qualche caduta di gusto e punzecchiature fuori luogo. Non c’è stata la battaglia dei manifesti che nelle precedenti elezioni aveva caratterizzato le competizioni elettorali sfociando anche nel penale. Molti spazi sono rimasti vuoti a testimonianza che il web, e soprattutto i social, hanno giocato un ruolo di peso e sono stati preferiti rispetto alle tradizionali forme di ricerca del consenso. I temi più dibattuti sono stati quelli del futuro dell’ospedale Busacca, la politica ambientale e il turismo, oltre che il lavoro. Dal punto di vista politico potrebbe giocare un ruolo determinate il voto disgiunto soprattutto tra i «malpancisti» nei partiti che male hanno accolto le scelte di vertice.

Per i due parlamentari Venerina Padua e Orazio Ragusa la competizione elettorale è un passaggio importante, anche in proiezione futura, per misurare la propria presa sull’elettorato visto che si sono spesi entrambi per un’idea di sviluppo affidandola a Rita Trovato, 49enne avvocato, quale candidata unitaria a sindaco. Gli altri quattro candidati sono Enzo Giannone, 51 anni, dirigente scolastico, sostenuto da quattro liste; Maria Borgia, impegnata nel sociale, sostenuta da una lista; Concetta Morana, 43 anni, insegnate, candidata grillina e infine Carmelo Vanasia, geometra e agente immobiliare, il primo ad essere sceso in campo e sostenuto pure lui da una sola lista.

Nella foto da sx i candidati sindaco Enzo Giannone, Rita Trovato, Concetta Morana, Maria Borgia e Carmelo Vanasia