Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Domenica 4 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 16:41 - Lettori online 943
SCICLI - 09/09/2016
Politica - Gli sciclitani andranno alle urne per cominciare un nuovo capitolo della città

La fine del commissariamento per il comune di Scicli dopo stop di Alfano

La notizia è stata accolta con favore dal parlamentare modicano Nino Minardo Foto Corrierediragusa.it

Niente proroga, si va alle elezioni. Il consiglio dei ministri, su proposta del ministro dell’interno Angelino Alfano, non ha concesso la proroga di sei mesi richiesta dai commissari prefettizi che reggono il comune di Scicli. I commissari resteranno quindi in carica per l’ordinaria amministrazione fino al turno elettorale previsto a novembre riservato ai comuni sciolti per mafia. Il mandato dei commissari era di diciotto mesi in prima istanza e sarebbe scaduto il prossimo dicembre, ma la triade aveva ritenuto opportuno chiedere la proroga di altri sei mesi per completare il mandato massimo di 24 mesi previsto dalla legge. Il consiglio dei ministri ha invece rigettato l’istanza, per cui Scicli andrà alle elezioni per eleggere il nuovo sindaco e il nuovo consiglio comunale tra circa due mesi. Ai commissari toccherà gestire queste ultime settimane di mandato prima di riaffidare la città al nuovo sindaco e ai consiglieri comunali eletti.

Molte erano state le pressioni sul ministro Alfano da parte dei parlamentari locali, di associazioni e movimenti, perché, anche alla luce della assoluzione dell’ex sindaco Franco Susino dall’accusa di concorso esterno in associazione mafiosa, si ponesse fine alla fase emergenziale, visto che non sussistevano le condizioni originarie che avevano portato al commissariamento del comune. Il no alla proroga era dunque nell’aria, ma è stato accolto, comunque, con grande sollievo da tutta la comunità. Nino Minardo, parlamentare Ncd, ha commentato: «La città potrà finalmente guardare oltre questo difficile periodo, lasciandoselo definitivamente alle spalle". Toccherà ora ai partiti e ai cittadini fare la loro parte nella competizione elettorale che si annuncia già molto combattuta e per la cui preparazione non c’è molto tempo da perdere.

Il commissariamento del comune di Scicli si era reso necessario a seguito di un provvedimento antimafia le cui motivazioni erano state confermate dal Tar del Lazio. Il consiglio comunale era stato sciolto per mafia a seguito dei fatti emersi nell´inchiesta denominata "Eco", sulla gestione del servizio di rifiuti in città, e che aveva visto le dimissioni del già citato sindaco Franco Susino, poi assolto con la formula più ampia nel processo di primo grado.

Nella foto in alto Alfano e Minardo