Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Sabato 3 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 11:08 - Lettori online 966
SCICLI - 24/04/2015
Politica - Si vota il primo maggio

Scicli in bilico sul futuro ma per il Pd è tempo di primarie

Mentre si attendono ancora notizie da Roma riguardo allo scioglimento o meno del consiglio comunale Foto Corrierediragusa.it

Mentre si attendono ancora notizie da Roma riguardo allo scioglimento o meno del consiglio comunale i partiti si organizzano. Le date per la presentazione delle liste sono fissate dal 1 al 7 maggio ed i partiti devono accelerare i tempi per non farsi trovare impreparati. Non sono in molti tuttavia a credere che si voterà ma restare indietro rispetto agli altri potrebbe danneggiare. Il primo a muoversi è il Pd che ha fissato per il primo maggio le primarie. Il Pd sciclitano rileva in una nota che vuole: "promuovere l´idea che la vita democratica cittadina deve responsabilmente proseguire nei suoi iter naturali, in qualunque modo essi debbano avere il loro corso". Già definito il Comitato Organizzatore con Franco Padua, Alessandra Schembri, Vincenzo Inì, Pinella Ridolfo, Guglielmo Pacetto, Massimo Ciavorella e Carolina Carnemolla. Due almeno i candidati alle primarie: si tratta del segretario Alfonso Cannata, del capogruppo consiliare Marco Causarano. Potrebbe inoltre partecipare anche Enzo Giannone, già consigliere comunale. Tra i nomi ricorrenti anche quello dell´ex assessore Pino Savarino.

Non è escluso inoltre che il gruppo dei giovani che si sta facendo largo nel Pd possa esprimere un suo candidato. Nell´area più a sinistra Sel si muove per coagulare quanti vogliono prendere le distanze dal Pd o non si riconoscono nella linea Renzi. Silenzio nell´Udc che ha un suo parlamentare in città. Il partito potrebbe decidere di appoggiare una candidatura espressa da lPd. Nel centro destra, dopo la scomparsa di Forza Italia, è Ncd che si dà da fare ma le idee sono ancora confuse. Questo fine settimana si tiene un incontro cui sono stati invitati associazioni, movimenti,giovani per cercare di trovare un minimo comune denominatore.