Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Domenica 11 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 23:05 - Lettori online 638
SCICLI - 17/09/2014
Politica - La difficile situazione politica in città

Non molla il sindaco di Scicli: "Io resto"

Perchè da sindaco, dice Susino, "ho ritrovato il gusto di stare uniti per il bene della collettività" Foto Corrierediragusa.it

Sollecitato e "tirato per la giacca" affinchè molli la poltrona di primo cittadino in quanto indagato dalla Dda di Catania per concorso esterno in associazione mafiosa, Franco Susino (foto) non ci pensa nemmeno perchè "le dimissioni sono solo una via di fuga". Il sindaco resta insomma al suo posto, accada quel che accada, come ribadisce in una lettera aperta ai suoi concittadini e a quanti lo pressano perchè "tolga il disturbo". Ultimo in ordine di tempo Pippo Digiacomo. "Non può essere un avviso di garanzia a determinare una decisione che mi costringerebbe a «voltare le spalle» a quanti ho l’onore di rappresentare", dice fiero Susino. Tutti si mettano dunque il cuore in pace, Susino forever, e non basteranno i netturbini che scioperano, i conti allo sfascio, un territorio abbandonato a convincerlo ad andar via. Anche perchè Franco Susino quella poltrona di sindaco l´ha voluta fortemente, l´ha inseguita per una vita, l´ha sfiorata per un pugno di voti una prima volta e non intende farsela sfuggire ora che l´ha conquistata.

Perchè da sindaco, dice Susino, "ho ritrovato il gusto di stare uniti per il bene della collettività. Le soluzioni ai problemi in atto, che hanno avuto un percorso difficile e ricco di insidie, mi hanno offerto motivazioni e una passione per me sinora desuete. Ho l’onore e il piacere di lavorare quotidianamente con persone affidabili e degne di grande considerazione con la variante, non trascurabile, che il lavoro è fatto non per salvare l’amministrazione a tutti i costi ma il comune dal disastro finanziario del dissesto. C’è di mezzo la responsabilità di un sindaco e di un’amministrazione - conclude Susino - per una Città che deve essere governata nel miglior modo possibile".