Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Domenica 4 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 15:10 - Lettori online 907
SCICLI - 16/08/2014
Politica - I problemi politici e non della cittadina

Pd spaccato: mozione di sfiducia al sindaco di Scicli?

Un gruppo di iscritti, tra cui il consigliere comunale Marco Causarano, non condivide la linea imposta dalla segreteria del partito sulla situazione politica Foto Corrierediragusa.it

«Non capisco ma mi adeguo»: è il sunto della visione d’insieme di un gruppo di iscritti del Pd di Scicli, tra cui il consigliere comunale Marco Causarano, che non condivide la linea imposta dalla segreteria del partito sulla situazione politica a palazzo di città e scrive quindi un documento sulle ragioni del dissenso. A distanza di qualche giorno dal primo documento a firma del segretario cittadino Bartolo Piccione, arriva l´ennesima presa di posizione, chiara ed inequivocabile: "E’ politicamente finita l’epoca di Susino e di quanti gli sono attorno, che hanno pur svolto un ruolo nella città di Scicli, lasciando luci ed ombre, determinandone il percorso fino al paradosso odierno: una città al centro dell’attenzione turistica e culturale mondiale, ma anche all’apice di una crisi finanziaria a rischio di dissesto, con una grande macchia sul profilo etico e istituzionale e con una economia «primaria» e dei servizi sull’orlo del collasso.

Il Partito Democratico – prosegue la nota – ha preso atto e detto con chiarezza che è arrivata l’ora che il sindaco decida responsabilmente di non trascinare la città nel penoso percorso di una lunga agonia che potrà solo peggiorare pesantemente e irrimediabilmente la già complicata situazione". Rispetto alla linea "morbida" tenuta dal gruppo consiliare del Pd, che ha sempre evidenziato la necessità di non fare crollare la giunta Susino ma di accompagnarla verso la fuoriuscita subito dopo la soluzione dei gravi problemi finanziari dell´ente, l´entrata in campo del segretario è invece dichiaratamente a gambe tese.

La segreteria Pd dunque pretende comportamenti politici chiari e tira le orecchie ai suoi stessi consiglieri e al gruppo di iscritti che li sostiene, non escludendo a priori una mozione di sfiducia a Susino.

Nella foto il municipio di Scicli