Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Domenica 11 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 23:05 - Lettori online 409
SCICLI - 18/07/2014
Politica - Una "strana maggioranza" che fa storcere il naso a molti

Politica impazzita a Scicli: i grillini attaccano il sindaco

E intanto continuano a far discutere le dimissioni del consigliere Ficili Foto Corrierediragusa.it

M5S a testa bassa contro il sindaco Franco Susino ed il piano dei debiti fuori bilancio fa paura. Non mancano poi le fibrillazioni politiche con il Pd che ha preso da tempo le distanze dal sindaco pur sostenendolo per le delibere ritenute decisive per risolvere i gravi problemi della città. E´ una "strana maggioranza" che fa storcere il naso a molti ma che finora si è rivelata di aiuto ad evitare il crac. Ora tutti si rendono conto, Pd compreso, che è il tempo massimo è già arrivato e Susino dovrà pure rendere conto del suo operato innanzitutto politicamente. Il M5S parla senza mezzi termini di "omertà che domina su Scicli. Noi che non siamo coinvolti attivamente nei fatti politici e che quindi viviamo o per meglio dire subiamo da liberi cittadini le scelte di altri, sentiamo distintamente, ormai da tempo, un cattivo odore aggirarsi fra i banchi istituzionali.

Notizie dichiarate e poi smentite, cambi di casacca, ribaltoni politici, finte giunte tecniche monocolore, accentramento del potere amministrativo nelle mani di poche persone in barba al Piano Nazionale Anticorruzione, bilanci comunali fasulli e chi più ne ha più ne metta. Sbattiamo continuamente contro un muro di omertà e noi non ci stiamo a farci coinvolgere, anche perché non ne facciamo parte, nel caos politico che inevitabilmente affonderà, sempre se non l’ha già fatto, questa città nello sprofondo della miseria sia materiale che morale". Il M5S è anche preoccupato del Piano di riequilibrio che fa emergere contraddizioni e debiti fuori bilancio.

E´ un documento che dovrebbe far uscire l´ente dal pericolo dissesto ma sarà difficile. Nel documento elaborato dall´Ufficio Finanze dell´ente emergono spese che pesano come macigni. E´ il caso delle procedure espropriative che sono costate quasi un milione e mezzo. Ci sono poi quasi 2 milioni e 600 mila euro per quanto dovuto all´Ato Ambiente. Ci sono debiti anche per la cura e l´ospitalità dei cani randagi. Il Comune deve anche pagare fino a tre annualità per il servizio.

LE DIMISSIONI DEL CONSIGLIERE FICILI
Il consigliere comunale Bartolo Ficili ha rassegnato le proprie dimissioni dalla carica nel corso della seduta di ieri sera del consiglio comunale. «Con la presente il sottoscritto Bartolomeo Ficili, visti gli impegni presi pubblicamente, sia nei confronti dei propri elettori che dei cittadini tutti, ritiene di non poter proseguire oltre la propria esperienza amministrativa; considerato che per motivi personali non sussistono le condizioni indispensabili per un proficuo svolgimento delle prerogative legate alla carica elettiva ricoperta; rassegna le proprie dimissioni dalla carica di Consigliere comunale del comune di Scicli, con effetto immediato ed irrevocabile».

A caldo, queste le prime dichiarazioni di Ficili da ex consigliere: «A me l’unica cosa che dipiace è ’improduttività del Consiglio Comunale, improduttività totale. Questo è un Consiglio Comunale che in due anni non è riuscito a farsi carico degli interessi cittadini, di questa situazione economica drammatica. Cosa ci stiamo a fare? Così non si può fare. Io sono una persona onesta e sincera, per questo mi sono dimesso».

Ficili era indipendente, eletto nelle file dell’Udc. Primi dei non eletti Antonio Calabrese, e a seguire Salvatore Cascino.