Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Domenica 11 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 23:05 - Lettori online 591
SCICLI - 11/09/2013
Politica - Riguarda l’appalto dei rifiuti negli ultimi anni

Indagine Dda a Scicli: il Pd chiede chiarezza al sindaco

I consiglieri vogliono che Franco Susino riferisca in consiglio comunale

Chiarezza e trasparenza. Il gruppo consiliare del Pd chiede al sindaco Franco Susino che si faccia luce sull´inchiesta avviata dalla Dda di Catania sulle presunte commistioni politica-malavita organizzata. Il Pd sciclitano evoca lo scioglimento per mafia del comune nei anni 90´ ed auspica che si sia aperta un´altra ferita per la vita politica della città. L´inchiesta della magistratura riguarda l’appalto dei rifiuti negli ultimi anni, ma anche indebite influenze sul corretto svolgimento delle ultime due campagne elettorali o condizionamenti nell’assegnazione di spazi al mercato.

Dice il Pd: "Chiediamo di conoscere dall’Amministrazione in carica quali sono i termini ufficiali delle contestazioni che vengono mossi a parte della classe dirigente del nostro Comune e che hanno portato alle perquisizioni del Municipio negli ultimi giorni. Chiediamo che il Sindaco onori questo momento di chiarezza innanzi all’organo istituzionale maggiormente rappresentativo della città, ovvero il Consiglio Comunale, e che renda noto se vi sono delle contestazioni che vengono mosse a singoli consiglieri o amministratori.

Chiediamo, infine, che se qualche esponente politico o amministrativo sia oggetto dell’inchiesta della magistratura – nel rispetto del diritto di difesa che va garantito a ciascun libero cittadino - non attenda provvedimenti formali dei giudici per disporre gli atti istruttori ed i procedimenti necessari alla verifica della regolarità e linearità dell’attività amministrativa pubblica evitando (per quanto di sua competenza) di esporre la città alla pubblica gogna di etichette già indebitamente sopportate".