Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Domenica 11 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 13:05 - Lettori online 764
SCICLI - 01/09/2013
Politica - Presa di posizione del Cutass cche invita il sidnaco a prendere una netta posizione

Ipotesi nuova discarica a Scicli: "No" dei cittadini

Dobvrebbe sorgere nel famigerato triangolo ricompreso tra le contrade di Truncafila, San Biagio e Cuturi

Scicli dice no ad una nuova discarica. La presa di posizione del Cutass – Cittadini Uniti a Tutela dell´Ambiente e della Salute di Scicli- è netta alla luce del paventato pericolo dell´insediamento di una nuova discarica nel triangolo delle contrade di Truncafila, S. Biagio e Cuturi. Dicono i rappresentanti del comitato: "Come se non bastassero già le discariche di Petrapalio e San Biagio, l’inquinamento delle falde acquifere e del suolo per l’uso sconsiderato di pesticidi, l’inquinamento del mare per gli scarichi civili e chissà cos’altro, ad aggravare la situazione ambientale già drammatica pare sia prevista l’apertura di due nuove discariche. E dove sarebbero previste queste due nuove discariche? Lì, sempre lì, in quel famigerato triangolo del nostro territorio ricompreso tra le contrade di Truncafila, San Biagio e Cuturi.

Tutto questo pare stia per essere deciso da forze politiche ed economiche di livello regionale, con l’avallo di organizzazioni ambientaliste ed esponenti politici locali, senza che gli organismi istituzionali e le rappresentanze della città vengano consultate. Al Governo Regionale vogliamo dire che Scicli ha già pagato al proprio comprensorio (Scicli, Modica, Pozzallo, Ispica), attraverso la megadiscarica di San Biagio, un prezzo altissimo in termini di costi ambientali ed economici e non intende subire ulteriori «soprusi» da parte di chi vuole esercitare il proprio potere con la tracotanza di chi non tiene conto dei danni che arreca alla vita della comunità locale".

Il Cutass ha invitato pertanto le istituzioni cittadini, i politici e l´amministrazione a prendere una posizione chiara rispetto a questa ipotesi.