Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Sabato 3 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 16:41 - Lettori online 886
SCICLI - 30/08/2013
Politica - I gruppi di opposizione chiedono le dimisssioni del presidente del consiglio, Bramanti

Maggioranza latitante a Scicli, sindaco Susino sotto tiro

Pd, Megafono, Scicli Bene Comune e gruppo misto dicono: "Questa maggioranza si sta rivelando, giorno dopo giorno, sempre più la vera zavorra del Consiglio comunale"

Il consiglio comunale torna a riunirsi ma i consiglieri della maggioranza non ci sono. Solo l´opposizione consente che la seduta si possa tenere mentre la maggioranza è dedicata a guadagnare gli equilibri interni occorrenti per l´elezione del Vice presidente del consiglio che, come dicono i «boatos» del Palazzo, dovrebbe essere esclusivo appannaggio del pidiellino Venticinque, come new-entry nella maggioranza del Sindaco Susino. Erano presenti anche i consiglieri Andrea Caruso e Bartolomeo Venticinque del Pdl che subito dopo l´apertura dei lavori hanno abbandonato l’aula.

Dicono i gruppi di opposizione formati da Pd, Megafono, Scicli Bene Comune e gruppo misto: "Mentre la Città aspetta risposte (sul piano degli impianti pubblicitari, sulla zona artigianale e cosi via) la maggioranza del sindaco Susino, - in questo caso compatta - disdegna l’unico compito a cui è stata delegata. Poiché, agli elettori del tessuto socio economico non importa a chi sarà assegnata la poltrona della vicepresidenza, la gente è troppo distante dai giochi di potere o dalle misurazione delle forze. I cittadini esigono i risultati e, per tale ragione hanno deposto la loro fiducia a questa classe politica, affinchè crei le condizioni per lo sviluppo per la crescita. Invece, questa maggioranza si sta rivelando, giorno dopo giorno, sempre più la vera zavorra del Consiglio comunale". Anche il ruolo interpretato dal presidente del consiglio Bramanti è stato messo in discussione e le opposizioni ne hanno chiesto le dimissioni.