Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Sabato 3 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 22:30 - Lettori online 608
SCICLI - 28/11/2011
Politica - Con un laconino comunicato il sindaco dice che sono venute meno le condizioni per bene operare

Si è dimesso il sindaco di Scicli Giovanni Venticinque, in arrivo il commissario regionale. Si va al voto?

L’insanabile rottura dei rapporti con il suo ex partito e gli alleati di Udc, Pid, Scicli e Tu e Terra mia, l’origine della clamorosa decisione
Foto CorrierediRagusa.it

Si è dimesso il sindaco di Scicli Giovanni Venticinque (foto). La notizia è stata ufficializzata in queste ore. Oggi l´ex sindaco avrebbe dovuto nominare la nuova giunta, tecnica o politica non si sa, ma quella dei «migliori», invece l’istinto sanguigno che gli conosciamo gli ha consigliato di staccare la spina prima che lo facessero altri. Verificata l’impossibilità di potere riprendere in mano la situazione, Giovanni Venticinque ha quindi preferito ridare la parola alla volontà popolare, dimettendosi dalla carica di sindaco.

Ad affrettare la decisione del sindaco, la rottura definitiva con i partiti della maggioranza che l’aveva sostenuto, la consapevolezza che non avrebbe potuto governare con una giunta non espressione dei partiti e con un consiglio comunale contrario alle sue volontà. A dare il de profundis all’esperienza di Giovanni Venticinque, il suo ex partito, il Pdl, poi Udc, Pid, Scicli e Tu, Terra Mia, Idea di Centro. Il tempo di formare la giunta dei «migliori», quindi non c’è stato.

Questo il laconino testo del comunicato ufficiale: "Il sottoscritto Venticinque Giovanni, sindaco pro tempore del Comune di Scicli, venute meno le condizioni politiche per espletare dignitosamente il mandato di governo della città, rassegna le dimissioni dalla carica di sindaco".

Per effetto delle dimissioni il consiglio comunale resta in carica fino alla scadenza del mandato ed il comune sarà retto da un commissario nominato dall´assessorato regionale agli Enti Locali.