Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Domenica 4 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 16:41 - Lettori online 449
SANTA CROCE CAMERINA - 25/10/2015
Politica - Maria Zisa era nella lista che sostenne il sindaco

Le dimissioni del presidente del consiglio Maria Zisa

Le dimissioni giungono dopo quasi due settimane dalle polemiche sull’abbattimento dell’ex caserma della finanza Foto Corrierediragusa.it

Il presidente del consiglio comunale Maria Zisa (foto) ha rassegnato le dimissioni dalla carica. La scelta è stata motivata, ha specificato la Zisa nella lettera di dimissioni, da problemi di ordine personale legati ai suoi impegni di lavoro. Maria Zisa, del Pd, era stata eletta alla massima carica consiliare all’indomani delle elezioni comunali del maggio 2012 quando la coalizione di centrosinistra vinse la competizione elettorale eleggendo sindaco Franca Iurato. Maria Zisa è stata, fra tutti i consiglieri comunali eletti nella lista che sostenne il sindaco eletto, quella che ottenne il maggior numero di preferenze e per questo è stata scelta dal suo gruppo consiliare a ricoprire la carica di presidente. Adesso, in modo del tutto inaspettato, le dimissioni che non racchiudono, almeno dalle motivazioni ufficiali, dei motivi di carattere politico ma fattori legati alla sua attività lavorativa e familiare. Le dimissioni giungono dopo quasi due settimane dalle polemiche sorte dopo il servizio sull’emittente nazionale di Mediaset «Italia 1» da parte del programma «Le Iene» che effettuarono una indagine giornalistica sulla demolizione dell’ex Dogana Borbonica ed ex caserma della Guardia di Finanza di Punta Secca compiuta lo scorso fine maggio.

Nel servizio venne messo in risalto che la demolizione dell’immobile, sebbene abbandonato e simbolo di degrado, avvenne senza le opportune autorizzazioni della Sovrintendenza e della Capitaneria di Porto che, a tal proposito, inoltrarono all’autorità giudiziaria altrettante denunce che coinvolgono il sindaco e organi tecnici comunali.