Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Sabato 10 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 23:18 - Lettori online 650
SANTA CROCE CAMERINA - 31/03/2015
Politica - Si sono animati gli animi in consiglio comunale

Conflitto di interessi su un revisore a Santa Croce

Il consigliere comunale Luca Agnello ha evidenziato numerosi punti oscuri Foto Corrierediragusa.it

Quanto successo lunedì in consiglio comunale ha dell’incredibile e ha fatto gridare allo scandalo in quanto coinvolge in un chiaro e palese conflitto d’interesse un amministratore comunale del Pd. Non sono lontani i tempi in cui i rappresentanti nazionali e locali di questo partito additavano a esponenti politici nazionali di parte avversa i più nefasti esempi di conflitti di interesse ed ecco invece che gli stessi non si fanno problemi ad attuare tali esempi di mala politica a livello locale. Il consiglio comunale ha infatti affrontato la vicenda della nomina di un Revisore dei Conti. Il consigliere comunale di opposizione Luca Agnello rilevava subito che, fra i cinque candidati a ricoprire tale carica, c’era un soggetto che risultava essere dipendente di una società di lavoro interinale il cui amministratore è l’attuale assessore al bilancio della giunta del sindaco Franca Iurato. Lo stesso Luca Agnello, insieme ad altri due consiglieri comunali di opposizione, Carmelo Portelli e Gaetano Pernice, chiedeva di individuare, e quindi votare in modo concorde e politicamente unanime, dei nomi sui quali convergevano tutti, maggioranza e opposizione. Il gruppo di maggioranza però rifiutava tale procedura e passava a votare con voto segreto la delibera in questione.

L’opposizione, in dissenso con le scelte e il modo di procedere della maggioranza, rilevando pregiudiziali oltre che etiche anche giuridiche, abbandonava l’aula in segno di protesta. Una prima votazione non era valida perché i voto validi a favore del candidato espresso dalla maggioranza consiliare erano solo sette mentre dovevano essere otto. Dopo alcune discussioni in aula si procedeva ad una seconda votazione che stavolta eleggeva come Revisore dei Conti il candidato proposto dalla maggioranza che regge l’amministrazione comunale. Il consigliere comunale Luca Agnello ha emesso un comunicato stampa nel quale sottolinea come sia «ormai palese che dietro i buoni propositi del sindaco esista una regia occulta (o sfuggente) che orchestra la gestione del paese con modi eticamente discutibili.

La maggioranza – rileva Agnello - ha eletto come revisore dei conti un professionista che lavora per una società il cui amministratore delegato è l’attuale assessore al bilancio. Nulla da dire sulle qualità professionali e lasciamo alle autorità competenti la valutazione di eventuali incompatibilità, ma ci chiediamo – è la lineare osservazione del consigliere comunale di «Noi ci crediamo» - con quale serenità potrà svolgere il ruolo di controllore sull’operato del suo stesso datore di lavoro privato». Agnello poi si rivolge al primo cittadino: «Se da un lato non possiamo più aspettarci nulla dai colleghi consiglieri di maggioranza che si dimostrano politicamente ingenui e irresponsabili verso i cittadini, ci aspettiamo dal sindaco almeno la revoca della delega al bilancio all’assessore Allù».

Nella foto il palazzo comunale di Santa Croce