Corriere di Ragusa
Email
Corrierediragusa.it mobile
Feed Rss Corrierediragusa.it
Corrierediragusa.it - Motore di ricerca
Corrierediragusa.it su Facebook
Corrierediragusa.it su Twitter
Corrierediragusa.it su Google+
Dimensione testo:
|
A
|
Corriere di Ragusa.it
Domenica 11 Dicembre 2016 - Aggiornato alle 12:30 - Lettori online 754
SANTA CROCE CAMERINA - 03/11/2012
Politica - Compito difficile portato a termine

Bilancio S. Croce approvato, sindaco Iurato soddisfatta

"L’unico aumento – ci tiene a precisare il primo cittadino - riguarda le seconde case" Foto Corrierediragusa.it

Approvato il bilancio di previsione, il sindaco Franca Iurato (foto) interviene con un comunicato precisando che «mentre altri comuni versano ancora in difficoltà enormi per l’approvazione del bilancio comunale, noi siamo riusciti a portare a termine questo compito. L’amministrazione comunale – precisa il sindaco - ha deciso di non gravare sulle fasce più deboli, lasciando intatte tariffe di Tarsu e servizio idrico e fognatura e diminuendo l’aliquota Imu per la prima casa. L’unico aumento – ci tiene a precisare il primo cittadino - riguarda le seconde case.

Forse il nostro – osserva - è stato un gesto impopolare, ma siamo fieri di averlo attuato perché convinti che, in momenti di necessità, è sacrosanto che paghi di più chi ha di più e non chi ha il minimo necessario per vivere. Riguardo la polemica sull’ «una tantum» – continua il sindaco Iurato, affrontando un’altra questione - che andranno a versare coloro che richiederanno nuovi allacci al servizio idrico (pari a 120 euro, ndc), puntualizzo che non è altro che un atto di giustizia nei confronti dei cittadini già allacciati che negli anni scorsi hanno visto sulle proprie bollette un’addizionale di 60 euro l’anno.

Ora, alla luce di questo ulteriore chiarimento, - puntualizza - trovo assurdo e pretestuoso il continuo bombardamento mediatico su questi argomenti, riportati in modo tendenzioso. Riporto inoltre – prosegue Franca Iurato - quanto già diffuso riguardo la delibera comunale sul bilancio, dello scorso 25 ottobre: l’Imu per la prima casa è al 2 per mille; quella per la seconda casa è al 9,6 per mille; per i capannoni agricoli è all’1per mille mentre i pensionati ricoverati in casa di riposo e gli emigrati all’estero vedranno considerata la loro abitazione come prima casa. Si valuterà successivamente la possibilità di estendere facilitazioni ad altre categorie produttive.

Riguardo l’addizionale comunale Irpef, - continua il sindaco nella sua nota - l’amministrazione ha ritenuto opportuno non applicare il massimo dell’aliquota prevista dalla legge, l´8 per mille e ha dato esenzione totale a chi ha reddito inferiore ai 10 mila euro, applicando, a scaglioni, le aliquote dal 3 al 7 per mille. E’ stato deliberato inoltre – afferma ancora il primo cittadino - di lasciare invariata la tariffa della Tarsu, nonostante il forte disavanzo di 300 mila euro, come invariate risultano le tariffe idriche, fognarie e di depurazione rispetto all’anno scorso».